Home Kolumne Fifi e Riri e el EPK (che po’ saria tuto un problema...

Fifi e Riri e el EPK (che po’ saria tuto un problema de usei)

745
0
Portal Rijeka Danas nastavlja s kolumnom na fiumanskom jeziku 'La scartaza' u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek
Portal Rijeka Danas pokrenuo je kolumnu na fiumanskom jeziku ‘La scartaza’ u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia! A noi due ne saria meio che imparemo a taparse la boca! Come che disemo una roba, ne toca rimagnarse la parola!
RIRI: Iesus i Maria! Vara, erimo tute contente che xe tornà a sventolar, anche se solo e per un giorno, la bandiera storica fiumana, che el governo croato, tutintun, ga deto “njet”. In ‘sto Paese, me par che se va avanti per interpretazioni de la storia che le finisse per diventar vera verità.

FIFI: Infati, per ‘sti governanti e i loro grandi esperti, la bandiera saria un simbolo de’l irendentismo.
RIRI: Una bandiera che ga 359 ani? Ma cossa la centra col iredentismo che quela volta che i portava ancora le paruche per sconder i pedoci che ghe caminava su la testa, gnanche se saveva cossa che significa ‘sta parola iredentismo?

FIFI: Un passo avanti e due indrio, te digo mi, eco come che se se movi in ‘sta zità!
RIRI: Anche per quela storia del ripristino del bilinguismo. Xe sta’ una montagna che ga partorido un sorseto, una pantiganuzza. A la fine, ‘sta famosa comission dei taliani de Fiume con dentro el fior fior de specialisti, esimi studiosi esuli, i se ga riunido e i ga conferido e cossa i ga concluso?

FIFI: Un klinz! I se ga perso in tei busi dei archivi per far rizerca storica de come che era e de come che no’ era, de come che se ciamava le vie, de come che se intitolava le cali, ma po’ in fondo cossa ghe xe?
RIRI: Gnente!

FIFI: No stemo esser subito cussì criticone con chi che lavora. I ga, per dir la verità apena scominzià. Bisogna darghe tempo e incoragiar, ma me par isteso che mi e ti doveremo comnciar a darghe colpi de beco a quei che no’ vol capir che el bilinguismo xe un segno de ziviltà e che la zità ghe pol solo che solo guadagnar se la dimostra de esser capace de far pase con la sua storia.
RIRI: Vara lo stesso che bel! Ma che orgoglio, ma che contenta che son!

FIFI: Cossa nassi testa de usel!
RIRI: Nassi, che go savudo, che i me ga contado, che i me ga ribadido e che me ga confermado anche el signor Patoco el altro giorno col passava per el Corso, che Fiume xe diventada Capitale de la Cultura Europea del 2020!

FIFI: Orpo, ti xe agiornada! Ciò, xe tre ani che se sa ‘sta roba e che se festegia!
RIRI: E i se prepara per el grande evento?

FIFI: Orpo se i prepara! I xe pieni de idee. I ga già tuto el programa pronto che i podessi scominziar anche doman!
RIRI: Ma dai, ti scherzi?

FIFI: Sì che scherzo. Mi vedo inveze che i tambasca, i se missia, i pensa e i ripensa e fino adesso, che ghe manca un ano e meso perché ‘rivi el 2020, per el momento i te se ga inventà de “brendar” una bira col nome de quel che lori ciama EPK, che po’ se pronuncia Epeka.
RIRI: Sai utile co’ uno ga de far una festa nel parchegio del ex Zucherificio. Basta che tuti, dopo gaver bevù bira, no’ ghe vegni una ugenza sul momento e no i decidi e farla là, sul muro del Zucherificio che xe de poco diventà un museo.

FIFI: …e po’, i ga comprà certe sedie quadrate, misere, misere co’ ti le guardi, che per pagarle i ga speso un capital, che mi e ti dovessimo alzar un credito, e le ghe ga servi per far una picio spot che po’ ste sedie gnanche se vedi.
RIRI: E po’?

FIFI: E po’ el altro giorno i te ga cazà un ombelon gialo là del Delta, i ga ingrumà un pochi de fioi che sona, qualche putela Furiosa i ga fato un poco de remitur controlado per fioi e po’…
RIRI: E po’?

FIFI: E po’ i te ga comprà una bananiera!
RIRI: Cossa per importar banane? Tasi, tasi, no servi che ti me rispondi! Go capì. Xe la strategia giusta e questo vol dir pensar a la zente!

FIFI: Ma cossa?
RIRI: Meti che ti xe ti che ti organizi el Epeka. E cos’ ti fa? Ti ghe ga messo su la famosa festa dove che i fiumani i ga bevù la famosa bira soto el ombrelon gialo in Delta o ti ga fato una altra festa in tel parghegio de el ex Zucherificio. Co’ i ga bevù, i ga spissaza’ el Delta e tuti i muri de el ex Zucherifico, adesso museo. E co ti spissazi e ti spissazi, cossa sucede?

FIFI: ??
RIRI: Sucede che spissazando a destra e sinistra per i muri de el xe Zucherifio, se finissi per perder tanto potassio, e no’ va ben per la salute. Eco alora cossa, ti che ti organizi el l’Epeka, ti te i ga inventà insieme coi nostri magiorenti de la zità…

FIFI: Cossa?
RIRI: Le banane!

FIFI: ??
RIRI: Le banane xe, come che ne dise i dotori, “una fonte ricca di potassio”. Quei che ga prima bevù la bira, e i ga spissazà el spisazabile, dopo i se magna le banane. Eco salvade capre e cavoli.

FIFI: Ti vol dir bire e banane! E comunque no’, tumbalo e ignorante! La bananiera la era diventà un panfilo su qual girava el Maresciallo Tito. El andava in giro come un nababo in su e zo per i mari, el fazeva feste su ‘sta nave, pranzi e zene. El invitava politici, atori. Insoma tutto un remitur ghe iera su sta ex bananiera.
RIRI: Bel! E cossa c’entra con la storia e la cultura de Fiume?

FIFI: Un klinz, ma a quei del Municipio e a quei de el Epeka, ghe piase cussì tanto Tito, i xe cussì ciapadi de sto’ Tito, che i ghe lo sgnaca drento anche se no’ el ghe centra.
RIRI: Imagino che per organizar tuti ‘sti eventi ligadi a la cultura de Fiume, i gabi ciamado fior fior de inteletuali fiumani per farse consigliar.

FIFI: Ma gnanche per caso!
RIRI: Ma gnanche per sbaglio!

FIFI: I sta fazendo tuto soli, come se a Fiume no’ ghe fossi inteletuali che conossi questa nostra realtà, e artisti de un zerto spessor che li pol consigliar e aiutar.
RIRI: Mi sta roba me par strana! Me par come che i se sforzeria de dimostrar che Fiume no’ ga una sua identità e che lori i ghe devi per forza cazar una identità nova.

FIFI: E anche quel insister a valorizar ‘sta famosa bananiera de Tito, che a vederla cussì in malora, piena di rusine e de busi, ti capissi subito che la sarà un buso senza fondo per le spese de la zita!
RIRI: Da la altra parte no’ i se scomponi per el fato che ghe sta andando in malora un edificio come quel del Teatro Fenice che ga segnà almeno 90 ani de vita de ‘sta nostra povera Fiume.

FIFI: Digo, el “Fenice”, indove che se ga svilupà el teatro de rivista, se ga fato spetacoli e concerti, el xe sta el più bel zinema de Fiume col nome de “Partizan”, se lo lassa che el vadi in malora completamente?
RIRI: El asesor de la cultura, ga deto che a quei de el Municipio de Fiume, de el Teatro Fenice no’ ghe importa in realtà „ein kurz“ e che un teatro cussi grande a noi fiumani no’ ne servi.

FIFI: Mi sta roba, te giuro, no’ la rivo capir. Ma no’ sarà perché el se ciama Fenice sto’ teatro che nol el ghe interessa? Ma no’ sarà che in realtà el nostro caro sindaco ga un problema coi usei?
RIRI: Coi usei?

FIFI: Coi usei! Mi e ti cossa semo? Usei, e ghe andemo sul klinz. La Fenice cossa xe? Un usel. E la ghe va sul klinz. Ma tasi, tasi, tasi che passa giusto el sindaco. Che ghe domando. (Urla) Signor sindaco, ma lei prorpio no ghe piasi i usei?
RIRI: Cossa el ga risposto? Ti sa che son dura de recie.

FIFI: Orpo che caratere! El se ga impiza’ e el ga urlà che no’ ghe stemo romper le togne e che lui ga de lavorar e che de lui se pol dir tuto solo che no’ el xe omofobo e ghe lui la bandiera de la LGBT la impica ogni ano sul balcon de el Munizipio. E po’ … el me ga mandà in malora!
RIRI: Omofobo?

FIFI: Speta che lo ciamo indrio. Signor sindaco, la prego, che parlemo come se parla tra statue e persone civili! Signor sindaco! Mi ghe disevo dei volatili! Ghe volevo dir che no’ xe un mistero che la aquila a due teste la ghe va sui nervi, ma a quanto par ghe va sui nervi anche quela povera disgraziada de fenice. Povera, povera disgraziada, sbarufada co’ le piume brusade, che ogni tanto la se brusa e po’ la torna a nasser. La fenice …
RIRI: Cossa, cossa el ga deto?

FIFI: Che xe sempre una question de usei, ma che dipendi da usel a usel, perché i usei noi xe tuti uguali. El Galeb, che po’ saria cucal, a lui tanto el ghe piasi e co’ lo vedi el ghe fa le feste e el ghe compra sempre qualche chilo de sardele. Un poche el ghe le mola ai pensionati per Nadal e San Vito, perché i staghi boni, un poche el ghe le tira in aria al suo caro cucal Galeb che el se le magna in volo.
RIRI: Jesus i Maria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here