Home Mozaik Istria Nobilissima – Plemenita Istra – Rossana Bubola

Istria Nobilissima – Plemenita Istra – Rossana Bubola

787
0
Pripremila /a cura di Laura Marchig

Krajem 2020., obznanjeni su rezultati 53. natječaja za umjetnost i kulturu »Istria Nobilissima« tj. Plemenita Istra. Riječ je o najvažnijoj i najstarijoj manifestaciji talijanske umjetnosti i kulture u nas, koju već od 1967. godine organiziraju Talijanska unija i tršćansko Narodno sveučilište. U ovim desetljećima više od 600 umjetnika, književnika, pjesnika i pisaca, kazališnih autora, likovnih umjetnika glazbenika i esejista, koji žive u Hrvatsko i Sloveniji, izabrali su „Istriu Nobilissimu“ kao točku polazišta njihovog stvaralaštva.

Kako bi naše čitatelje bolje upoznali sa imenima i djelima autora talijanske manjine koja su se isticala kroz natječaj „Istria Nobilissima“ Rijeka danas je pokrenula rubriku u kojoj predstavljamo djela nekih nagrađivanih autora.

Alla fine di dicembre del 2020, sono stati resi noti i nomi dei vincitori della 53. edizione del Concorso d’Arte e cultura „Istria Nobilissima“. Il portale Rijeka danas, volendo far conoscere al pubblico più ampio, anche quello della maggioranza, ma anche ai fiumani, istriani e dalmati sparsi nel mondo, una parte della produzione culturale, artistica e letteraria della Comunità Nazionale dell’istroquarnerino, ha deciso di aprire uno spazio in cui verranno presentati di volta in volta i vincitori di „Istria Nobilissima“. Volendo dedicare meritato spazio anche ai prosatori dell’edizione 2020, ed essendo impossibilitati come portale, a pubblicare delle prose di più ampio respiro, abbiamo chiesto agli autori premiati di fare una scelta delle loro opere, oppure di proporci dei sunti dei testi premiati al concorso.

Istria Nobilissima 2020:

Rosanna Bubola je pobjednica Prve nagrade za prozu, sa pričom Ispod tepiha, u kojoj se vrlo vješto koristi posebnom varijantom istrovenetskog dijalekta, tj. dijalektom kojeg govori seljak rođen u mjestu Kučibreg, i koji se pokušava uklopiti u miljeu mjesta Buje.

Rosanna Bubola è la vincitrice del Primo premio per la prosa con il racconto Sotto il tappeto, il cui protagonista è un abitante di Cucciani o Kučibreg, trasferitosi a Buie da bambino, che nella sua parlata istroveneta ha mantenuto gli influssi della variante dialettale usata nel suo paese d’origine.

ROSANNA BUBOLA

Nata a Capodistria il 27/06/1975, risiede a Buie d’Istria dove ha frequentato le scuole primarie e secondarie con lingua d’insegnamento italiana coltivando fin da bambina la passione per il teatro e la letteratura.

Dopo una lunga gavetta tra filodrammatiche e compagnie amatoriali, nella stagione 1999/2000 inizia a collaborare con il “Dramma Italiano” in seno al Teatro Popolare Croato di Fiume “Ivan de Zajc” e nel 2001 dopo un’audizione, entra a far parte della compagnia in pianta stabile.

Nel 2003 si laurea in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Trieste, indirizzo linguistico con tesi in Dialettologia sul lessico – concordanza dei testi tratti da un corpus scelto di liriche ( Favalando col cucal Filéipo) del poeta rovignese Ligio Zanini.

Dal 2010, collabora e dirige il ZIID Teatar, corso di teatro e aggregazione giovanile. Sudore e gavetta le valgono il premio come miglior attrice del Dramma Italiano della stagione 2014/2015 e il suo monologo Le quinte della vita per la regia di Mario Brandolin, viene decretato miglior spettacolo del Dramma per la stessa stagione; e miglior attrice del Dramma Italiano della stagione 2015/2016. Da fine novembre 2016 è direttrice del Dramma Italiano di Fiume incarico che mantiene fino al 5 marzo 2018. Poi la vita prende una svolta, lascia Fiume per ritornare a Buie dove da metà maggio dello stesso anno è direttrice dell Universita Popolare Aperta di Buie.

Nel tempo libero continua a fare l’attrice, regie per compagnie amatoriali e a scrivere sketch teatrali e racconti dal sapore noir.

ROSANNA BUBOLA

Rođena je u Kopru 27/06/1975., živi u Bujama gdje je pohađala osnovnu i srednju talijansku školu. Od malena je pokazivala zanimanje za kazalište i književnost. Niz godina je bila članica dramskih sekcija i amaterskih kazališnih skupina, te je u Sezoni 1999./2000. počela surađivati s ansamblom Talijanske drame HNK Ivana pl. iz Rijeke. 2001. primljena je nakon audicije, za stalnog člana Talijanske drame.

  1. godine, diplomirala je Talijansku dijalektologiju pri Filozofskom fakultetu tršćanskog Sveučilišta, na temu Istroromanski dijalekt pjesnika Ligia Zaninia, u zbirci Razgovarajući sa galebom Filipom.

Od 2010. je surađivala sa ZIID Teatrom, čija je trenutno voditeljica. Autorica je monodrame Kulise života koju je izvela kao glumica u Sezoni  2014./2015. u sklopu Talijanke drame i pod redateljskom palicom Maria Brandolina. Ova antologijska uloga, donijela joj je nagradu za najbolju žensku ulogu Talijanske drame. Predstava je osvojila i nagradu HNK Ivana pl. Zajca, te je proglašena najboljom glumicom Talijanske drame za Sezonu 2015/2016. Od 2016. do 2018., bila je ravnateljica Talijanske drame, dok se 2018. vratila u Istru, u svoje mjesto Buje. Trenutno obnaša funkciju ravnateljice tamošnjeg Pučkog otvorenog sveučilišta. I dalje se bavi glumom, te piše skečeve i noir priče.

ODLOMAK IZ PRIČE ROSANNE BUBOLE “ISPOD TEPIHA”:

DAL RACCONTO DI ROSANNA BUBOLA, “SOTTO IL TAPPETO”:

(…) L’incontro con la prima meraviglia…

…a Varnjac…gavevo nove ani e jero con zio Gigi. Semo andài a pescar ganberi. Semo andài in Bazuja e de là caminando par insù vitsin l’acua semo rivài a Varnjac. Jera Varnjac de sora e de soto, e la diferentsa jera solo una: cuela de sora gaveva la sorgente de l’acua che doperava duti e cuela de soto gaveva el torcio e la cantina che doperava duti.

No ze che semo andài par le caze ma stanchi che jerimo se gavemo fermà bever de la sorgente e la zente che ne conoseva ne ga ciamà. Eh, a zio Gigi ghe piazeva onji tanto un goto de bon vin! Lu beveva un bicer de vin e mi che jero picio bevevo acua. In onji caza che andàimo la cuzina, obligatorio, gaveva le piastrele! Ma no solo partera anca su pe’i muri e cuele mi no le gavevo mai viste! Lustre, bianche, de cuele pice e cuadrate, sentsa fughe…tacade una co l’altra…come neve.

Partera invetse i gaveva cuele “pevere e sal”, più forti, par caminarghe de sora. Varnjac pareva un sonjo de suo, le caze no jera ligade una co l’altra a formar la via come inte i paèzi ma le jera stacade, al masimo ghe ne jera do o tre insieme. Le altre jera: caza – orto – caza e onji caza gaveva la sua stradeta larga tanto che pasava un muso e parte par parte i muri alti circa un metro un metro e cualcosa par via che le bèstie no ghe vadi in orto.

E zio Gigi me gaveva dito scuazi rabià co’ stàimo par rivar – “Ti vedarà, ti vedarà picio mio i ga i orti duti ben tenjùi…ma pieni de fiori! Ma cosa ghe servi i fiori?” No savevo, jero fioi. Ma i fiori serviva a far duto più bel, parché in cuele caze viveva i siori e de manjar no ghe mancava. Lori podeva anca veder la beletsa oltra la fadiga.

Me ricordo che son restà incantà e no gavesi mai dito visto che a mi me piazeva zbizigar co’i motori, andar pescar…ma i fiori jera una maraveja. E cuel doveva eser el giorno de le scoperte, parché par la prima volta go visto un torcio de cuei grandi!

No jera ancora el motor elètrico ma òmini che ficava inte i buzi pài de un metro e cualcosa e zburtando strucava le olive mese inte i sachi. E là do’ che vinjiva fora l’ojo, anca là jera le pice piastrele bianche! Jera duto neto, lustro. L’unico lori gaveva el torcio, e suo!

No me ricordo come che se ciamava le fameje, so che ani dopo co’ de grando son andà là in tsimitèrio jera tanti Vesnaver scriti su le tombe frugade e in paèze no ghe jera più nisun. Le caze no gaveva el teto, le lerte de piera bianca jera stade rubade, su i muri jera ancora la pitura e se vedeva i senji de’l rulo e una camara in alto gaveva ancora la bordura co dizenjài i uzeleti.

Me la ricordo cusì, Varnjac…diferente de duti i altri posti e diferente la ze restada: zvoda, mai più abitada de nisun. (…)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here