Kolumne

Ekskluzivni intervju Laure Marchig s Riccardom Illyjem: Povratak u politiku nakon 10 godina

Ekskluzivni intervju Laure Marchig s Riccardom Illyjem: Povratak u politiku nakon 10 godina

S Riccardom Illyijem razgovarala Laura Marchig

Bivši gradonačelnik Trsta, ex parlamentarac i nekadašnji predsjednik regije predsjednik Friuli-Venezia-Giulia Riccardo Illy sudjeluje u utrci za talijanski Senat kao nezavisni kandidat i najavljuje novu strategiju za jačanje Europe sa zajedničkom obranom i strategijom vanjskih poslova.

Čitateljima portala Rijeka Danas, Riccardo Illy vjerojatno nije nepoznat. Za one koji se s njim površno ili prvi put susreću, treba spomenuti da je ime Riccarda Illya povezano sa imenom njegove tršćanske tvrtke čiji je vlasnik jedna od najvažnijih svjetskih kompanija specializiranih za proizvodnju kave. Bivši gradonačelnik Trsta, ex parlamentarac i bivši predsjednik regije predsjednik Friuli Venezia Giulia je kandidat za Senat za područje Trst, Gorizie i Trevisa na idućim talijanskim parlamentarnim izborima koji su na rasporedu 4. ožujka 2018. Radi se o novom izazovu etapi u karijeri Riccarda Illya koji se prije desetak godina povukao s političke scene. Sa Illyijem smo za potrebe ovog intervjua dugo razgovarali telefonski, a intervju objavljujemo dvojezično na hrvatskom i talijanskom jeziku.

Iako se osjećate kao pripadnik lijevog centra, odlučili ste se kandidirati za talijanski senat kao nezavisni kandidat?

Za mene je to pitanje principa. Iako se smatram bližim lijevom centru, uvijek sam svoje političke odluke donosio nezavisno. Nikad nisam imao stranačku iskaznicu. Bio sam gradonačelnik, parlamentarac i predsjednik regije uvijek kao nezavisni. Postoji koalicija lijevog centra koja me podržava zajedno s listom ministrice Lorenzin. Riječ je o 4 političke stranke koje predvodi lijeva Demokratska stranka (Pd), i koje me podržavaju, ali meni je bitna moja politička autonomija i ekvidistanca prema svima.
Kandidat sam za izborni okrug od mora do planina, vrlo sličan vašoj Primorsko-goranskoj županiji. Ljudi su osjetili potrebu za osobom koja je stanju prijeći put od mora do planina. Tko to može razumjeti bolje od mene koji sam bio učitelj skijanja, instruktor jedrenja i bavim se vinarstvom? Tko može zastupati interese tih ljudi? Malo se šalim, ali mislim da u tome ima i puno istine.
Prema zadnjim istraživanjima, u mom izbornom okrugu lijevi centar je narastao 10% u odnosu na desnicu i uz još malo napora, mislim da bih mogao napraviti dobar rezultat.

Deset godina se niste bavili politikom?

Da, morao sam riješiti jedan etički problem s Državnim odvjetništvom. Najavio sam da se neću kandidorati dok god taj problem ne privede kraju. U siječnju se cijeli spor riješio u moju korist, dobio sam satisfakciju i nakon toga sam odmah prihvatio prijedlog za kandidaturu. Mislim da mogu dati doprinos u trenutku kad Italija s jedne strane doživljava ekonomski rast ali s druge strane, ljudi kao da su izgubili povjerenje u politiku koja se od njih udaljila. Udaljila se od pravih problema običnih ljudi. Imam 40 godina iskustva kao industrijalac i barem 15 godina iskustva kao političar te smatram da će mi to pomoći u uspostavi odnosa između realnih problema i politike te da se ljudi počnu osjećati kao aktivni umjesto pasivni faktor.

Godine 2006 kao predsjednik FVG bili ste jedan od osnivača projekte Alpe Adria i EU grupe za teritorijalnu suradnju. Ideja danas izgleda uspavano ali primjećujemo da je ideja suradnje između regije FVG i ostatka Centralne Europe jedna od centralnih točaka vašeg političkog programa. Tada ste govorili da treba dati konkretnu podršku Hrvatskoj za ulazak u EU što se na kraju i realiziralo. U vašem programu nalazi se i ideja da treba poticati veze između regija, pogotovo s naglaskom na infrastukturne projekte poput željezničke linije Trst – Kopar i brzih vlakova Trst – Ljubljana – Budapest koji bi se financirali iz sredstava europskih obveznica. Postoji li mogućnost da se u ovu mrežu uključi i PGŽ te bivša mađarska luka Rijeka?

Kao predsjednik regije FVG bio sam istovremeno i predsjednik vijeća EU regija. To vijeće sastavljeno je od 250 europskih regija proširenih s Turskom i Rusijom. Zahvaljujući tome, tada sam uspio stvoriti grupacije za teritorijalnu suradnju na područjuEurope. Uspio sam inicirati i pravilnik kojim su bila definirana pravila za transnacionalnu suradnju. Taj pravilnik je na kraju prihvaćen za vrijeme predsjednikovanja Wolfganga Schüssela, tadašnjeg austrijskog kancelara. Schüssel je shvatio važnost transnacionalne suradnje i zato je stvar prihvaćena. Sadašnja predsjednica regije FVG Deborah Serraccchiani nastavlja u tom smjeru.
Što se tiče odnosa s Hrvatskom, oni su konstantni zato što imam kuću u Novigradu u koju dolazim. Mislim da se suradnja treba proširiti. Ne samo sa Istrom nego i Kvarnerom. Ono što nas spaja su duboke povijesne ali i ekonomske veze. Smatram da je PGŽ-u mjesto u toj velikoj regiji. U mom programu je i ideja Ujedinjenih Europskih Država. Potrebno je vratiti se na put prema ujedinjenju europe na način da se osnuje konfederacija država. Ideja je da svaka država ima suverenitet, zadrži posebnost i da se svakoj državi omogući razvoj u smjeru u kojem se može razvijati najbolje. Ali zajednički treba biti obrana i međunarodna politika. To je bio san utemeljitelja EU i smatram da treba nastaviti s tom idejom.

Dobra strana Brexita je da iz Europe izlazi država koja je sve ove godine zaustavljala ideju europskog ujedinjenja

Problem Brexita?

S Brexitom iz EU odlazi najbitniji čimbenik koji se borio protiv europskih integracija. Iako je za nas taj izlazak bolan, još će bolniji biti za Engleze. Ono što je dobro je da iz EU izlazi država koja je sve ove godine blokirala ideju ujedinjene europe. Kao pozitivnu stvar vidim činjenicu da je Merkel potvrđena za novu-staru kancelarku i da je novi francuski predsjednik Macron izabran za proeuropskoj platformi. Ako izbori u Italiji prođu dobro i ne pobjede anti-europske i anti-emigrantske stranke, u što vjerujem, moći ćemo razmišljati o tome da Italija, Njemačka i Francuska postanu promotori jednog ponovnog procesa europskih integracija koji se u zadnje vrijeme zaustavio. Konkretni primjer koliko je važna zajednička politika je situacija s valom emigranata koji su bježali od rata iz srednjoazijskih država. Ako je bilo problema s njima, to je zato jer politikom diela europskih država upravlja SAD koji je nezainteresiran za posljedice ratova i humanitarne krize u Europi. Dodajem, nije moguće razmišljati o vanjskoj politici bez vojske, a Macron se konačno opredijelio za stvaranje zajedničke Ujedinjenih Europskih Država.
Europa se do sada bavila dnevnom administracijom, a trebala bi se ubuduće baviti međunarodnom politikom

Potrebna promocija kulturnih i ekonomskih odnosa između Rijeke i Trsta te FVG i Kvarnera

Koje su mogućnosti suradnje Rijeke i Trsta na ekonomskom i kulturnom planu?

Prvo treba početi sa suradnjom javnih institucija koje se bave energetikom, distribucijom vode i upravljanjem otpadom, koji treba organizirati za veći teritorij te na području zdravstva gdje je sinergija jako važna. U Trstu i regiji nam nedostaje velik broj medicinskog osoblja i liječnika. Moramo osmisliti strategiju unapređenja medicinskog istraživanja na razini znanstvenih institucija ali i drugih sektora znanosti. Važna je i suradnja na kulturnom planu. Pri tome ne mislim samo na kulkturne projekte za naše građane. Kultura i umjetnost predstavljaju važne čimbenike za privlačenje turista. I zato bi trebalo razmišljati o zajedničkoj strategiji po pitanju transporta. Mogli bi imati zajedničku suradnju u onome što englezi nazivaju ‘incoming’ ili ‘dolasci’.

Rijeka će 2020. godine biti EU prijestolnica kulture

A Trst će biti Europska prijestolnica znanosti. Znanost i kultura su dva bliska i komplementarna područja. Znanost i kultura ne poznaju granice. Rezultati znanstvenih istraživanja odmah postaju opći resurs društva. Znanost predstavlja poveznicu među narodima kao što je to i vizualna umjetnost. Književnost može postati razumljiva ljudima koji govore različite jezike zahvaljujući prijevodima. Sigurno treba pokušati stvoriti zajedničke projekte između dvije različite prijestolnice

Koje razvojne strategije regije FVG su primjenjive na Rijeku i PGŽ?

Smatram da postoje sektori kojima se bave i Rijeka i Trst, pogotovo po pitanju pomorstva i luke. Jedan od najvažnijih dostignuća Trsta i regije predstavlja znanost. Zato mislim da bi za vaš grad bilo vrlo korisno koncentracija upravo na te aspekte – pomorstvo, luka i znanost. Cijelo riječko područje bi imalo velie koristi od takvih istraživačkih centara. Trst i FVG trebali bi pratiti vaš primjer po pitanju turzima. Vaša regija je u tome krenula ranije i ima jako dobre rezultate na tom planu. U turizmu moramo učiti od vas i siguran sam da će u budućnosti trebati razmišljati o zajedničkim aktivnostima na privlačenju turista u Trst i FVG tako i u Rijeku i kvarner

Vi problem emigracije sagledavate kao potencijal za stvaranje novih radnih mjesta i novih resursa za talijansku ekonomiju. Rijeka je grad iz kojeg se emigrira. Računa se da je u proteklih 10-tak godina iz Rijeke otišlo 20.000 mladih tražeći novi posao u zemljama poput Irske i Njemačke. Da li nam se uopće isplati raditi strategije zaustavljanja tog fenomena u gradu koji izgleda nema dugoročne ekonomske projekte

Riječ je o onome što bih ja nazvao domino metodom. Neke osobe odlaze iz naših država, a neke dolaze. To su spontani fenomeni s kojima bi trebalo znati upravljati ali ih je prije potrebno proučiti i shvatiti zašto se to događa. Treba shvatiti zašto se toliko mladih ljudi odlučuje na odlazak u potrazi za poslom. Razlog nije uvijek novac. Često talijanski istraživači odlaze u SAD jer tamo uspijevaju izraziti svoje potencijale. U Americi se puno više pažnje posvećuje znanosti. Kad budemo shvatili razloge, moći ćemo ih zaustaviti ali to nije lako. Umjesto pasivnog zalažem se za blago proaktivan stav prema migraciji kako bi zastavili takav fenomen. Nije dovoljno pokušati motivirati ljude da se vrate nudeći samo bolje plaće.
Što se tiče znanosti, bitan je ukupni ambijent. Treba biti proaktivan kopirajući od najboljih. U ovom slučaju je to SAD. Talijanske ekonomske institucije bi trebale zaposliti najbolje i od njih tražiti da upravljaju znanstvenim centrima. Ne možemo ljudima braniti da se kreću ali možemo djelovati kao korektiv kako bi zaustavili masovni odljev mozgova i talenata.

Vizualni bilingvizam: Nakon što sam postao gradonačelnik informiran sam da za Trst postoji akt koji predviđa upotrebu dvojezičnih natpisa na talijanskom i slovenskom jeziku. I ja sam ih postavio, zato što je to bilo pravedno

Lista za Rijeku već neko vrijeme promovira kampanju za povratak vizualne dvojezičnosti u Rijeci. Prema vašem iskustvu, koje savjete možete dati angažiranima u kampanji, a što savjetujete tijelima zaduženim za provedbu

Za vrijeme mog predsjednikovanja regijom FVG borio sam se za prolaz zakona za zaštitu slovenske, furlanske i njemačke manjine. To sam učinio vjerujući da je zaštita manjina bogatstvo za sve, ne samo za mnajine. Kulturi i umjetnosti treba omogućiti kreativnost kako bi se mogle razvijati. Miješano stanovništvo nam omogućava elemente za povećanu kreativnost unutar društva. Postoji zakon kinetike prema kojem svaki sistem koji upravlja manjim sustavima, mora biti toliko kompleksan da obuhvaća sve sastavnice kojima upravlja. To se može primijeniti i na društvo, sustavi koji poštuju različitost su uspješniji od drugih. Ti principi su me inspirirali kada sam podržao zaštitu lingvističkih i nacionalnih zajednica. Talijani u Rijeci i ostatku Hrvatske predstvaljaju bogatsvo ali u opasnosti su od asimilacije. Volim razmišljati o modelu suživota koji će omogućiti integraciju uz očuvani identitet. Protiv sam getoizacije, a za projekte očuvanja jezičnog identiteta. To se ostvaruje putem zakona i financijske podrške. U državama gdje se to nije prakticiralo, poput SAD-a, nitko više ne govori talijanski.
Što se tiče bilingvizma, mislim da bi za grad Rijeku to moglo biti zanimljivo i za mnogobrojne Talijane koji dolaze kod vas kao turisti. Nakon što sam postao gradonačelnik, informiran sam da za Trst postoji akt koji predviđa upotrebu dvojezičnih natpisa na talijanskom i slovenskom jeziku. I ja sam ih postavio, zato što je to bilo pravedno.
Puno Slovenaca danas rado dolazi u Trst jer vide da se poštuje njihov identitet. I u Trstu su postojale snage koje su pokušale spriječiti uvođenje dvojezičnih natpisa. Unatoč njihovim mnogobrojnim argumentima, odlučio sam im se oduprijeti i učiniti ono što sam smatrao ispravnim.

Zaključak?

Za zaključak bih želio poručiti glasačima da je važno glasati. U Italiji prognoziraju veliku izbornu apstinenciju. Ali želim podsjetiti da je glas i pravo i obaveza. Bolje se kajati što smo nešto učinili nego kajati se jer nešto nismo učinili. Mladi Englezi koji nisu glasali kod refernduma o Brexitu sada se kaju. Bolje je iskoristiti svoje pravo nego kasnije žaliti zbog prava kojeg niste iskoristili. (laura marchig)

 

Intervista esclusiva di Laura Marchig a Riccardo Illy: Torno a candidarmi dopo dieci anni di assenza dalla politica

L’ex sindaco di Trieste, ex parlamentare ed ex presidente della Regione Friuli Venezia Giulia in corsa per il Senato italiano, parla delle nuove strategie per un’Europa più forte che prevede l’introduzione di un esercito europeo per la difesa e di una strategia per una politica europea internazionale.

Non crediamo che per i lettori di Rijekadanas Riccardo Illy rappresenti un’incognita. Ma pure, per dovere di cronaca, ricordiamolo: il nome di Riccardo Illy è indissolubilmente legato al nome dell’azienda triestina di cui è proprietario, una delle aziende specializzate nella produzione di caffè più importanti al mondo. Ex sindaco di Trieste, ex parlamentare ed ex presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, è attualmente in corsa all’uninominale del Senato di Trieste, Gorizia e Tarvisio, per le elezioni politiche italiane del 2018 che si terranno domenica 4 marzo prossimo.
Una nuova sfida e una nuova tappa nella carriera di Riccardo Illy che da dieci anni si era ritirato dalla politica. Questo ritorno rappresenta un’occasione più che valida per intervistalo. Illy ci ha concesso una lunga intervista telefonica.

Pur sentendosi inserito nel centrosinistra, lei ha deciso di candidarsi al Senato italiano come indipendente.

Per me si tratta di una questione di principio. Pur considerandomi vicino al centrosinistra, ho sempre fatto le mie scelte politiche da indipendente. Non ho mai avuto una tessera di partito. Ho fatto il sindaco, il parlamentare, e anche il presidente della Regione Friuli- Venezia Giulia, sempre da indipendente. Esiste una coalizione di centrosinistra che mi sostiene insieme alla Lista Lorenzin. Sono 4 forze politiche con il Pd, capolista Trieste e Gorizia Senato uninominale, però per me è importante mantenere un’equidistanza, una mia autonomia. “
„Concorro in un collegio che va dal mare fino alla montagna, un collegio che assomiglia geograficamente alla vostra Regione Litoraneo-Montana. Avevano bisogno di una persona in grado di passare dal mare alla montagna e chi meglio di me che ho fatto il maestro di sci, il maestro di vela e curo un’azienda vinicola, può capire questo territorio così particolare, e soprattutto le esigenze della sua gente? Lo dico scherzando, ma in realtà credo che ciò corrisponda al vero. Secondo gli ultimi sondaggi, nel Collegio da dove parto, il centrosinistra è in salito di 10 punti rispetto al centrodestra. Con uno sforzo, credo che potrei arrivare ad ottenere un risultato positivo. “

Per dieci anni è stato assente dalla politica?

Sì, dovevo per prima cosa risolvere un problema etico con la Corte di conti. Avevo detto che finché c’era questo problema non mi sarei candidato, ma a gennaio la cosa si è conclusa con la mia piena assoluzione e ho quindi accettato la proposta che mi è stata fatta di candidarmi. Ritengo di poter dare un mio contributo in questo momento in cui in Italia da una parte, l’economia sta andando bene, ma dall’altra la gente pare aver perso fiducia nella politica che si è allontanata dai veri problemi dell’uomo comune. Ho quarant’anni di esperienza come imprenditore e almeno quindici anni di esperienza come politico e credo che ciò mi aiuterà ad avvicinare la società reale alla politica, a farla sentire elemento attivo e non passivo.

Nel 2006, in qualità di Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, è stato uno dei fondatori del progetto Alpe Adria e del Gruppo europeo di cooperazione territoriale. L’idea sembrava essersi sopita, ma possiamo notare che il concetto di cooperazione fra il FVG e le regioni dell’Europa centrale torna ad essere uno dei nuclei del suo programma di candidato al Senato. A quel tempo aveva parlato anche di dare un concreto sostegno all’entrata della Croazia nell’Unione Europea, cosa che poi è avvenuta. Nel suo programma spicca l’idea dello sviluppo dei collegamenti fra le regioni. Forte l’accento sul rafforzamento delle infrastrutture ferroviarie con particolare riferimento alla Trieste-Capodistria e all’alta velocità Trieste-Lubiana-Budapest, da finanziare con fondi grazie all’emissione di appositi eurobond. Esiste forse un progetto per collegare a queste città anche la Regione Litoraneo Montana e l’ex porto dell’Ungheria, la città di Fiume?

Quando ero presidente della Regione del FVG ero allo stesso tempo anche presidente dell’Assemblea delle regioni europee. Quest’assemblea raccoglie i 250 regioni dell’Europa allargata comprese la Turchia e la Russia. Grazie a questo ruolo riuscii a creare dei Gruppi europei di collaborazione territoriale e a far approvare un regolamento in cui venivano definiti i rapporti di cooperazione transfrontaliera. Il Regolamento fu approvato durante la presidenza di Wolfgang Schüssel che quella volta era cancelliere austriaco. Schüssel capì l’importanza di avere una collaborazione transfrontaliera e la cosa venne approvata. L’attuale presidente della Regione del FVG, Deborah Serraccchiani, continua a lavorare in questo senso e a portare avanti il progetto di cooperazione fra tutte queste 250 regioni.
Per quanto riguarda i rapporti con la Croazia, i miei sono continui perché ho una casa a Cittanova che frequento e ritengo che i rapporti di collaborazione vadano ampliati, non solo con l’Istria ma anche con la Regione Litoraneo Montana. Ad unirci sono dei profondi legami storici ed economici e ritengo che alla Regione Litoraneo Montana spetti di diritto di entrare a far parte di questa grande Euroregione.
Nel mio programma ho inserito l’idea di Stati Uniti d’Europa. È necessario riprendere il cammino verso l’unità europea, costituendo una Confederazione di Stati. L’idea è che ogni stato possa mantenere la sua sovranità e a ognuno venga offerta la possibilità di fare ciò che sa fare meglio, di mantenere le proprie peculiarità, ma avendo come strategia quella di organizzare a livello comune sia la difesa, sia la politica internazionale. Questo era un sogno dei padri fondatori e credo che nel sogno di un’Europa più forte, si debba inserire quello di un programma europeista che comprenda anche la costituzione di un esercito europeo e lo studio di una strategia politica condivisa.

Con la Brexit c’è di buono che dall’Europa se ne va il Paese che in questi anni ha di più frenato l’idea di un ‘Europa unitaria, l’Inghilterra

L’effetto Brexit?

„Con la Brexit se ne va il principale fattore frenante dell’integrazione europea. A fronte di un’uscita dolorosa per noi, ma che a mio avviso sarà ancora più dolorosa per gli inglesi, c’è di buono che dall’Europa se ne va il Paese che in questi anni ha di più frenato l’idea di un Europa unitaria. Vedo come positivo a questo proposito il fatto che Angela Merkel sia stata confermata come cancelliere alle ultime elezioni e che il nuovo presidente francese Emmanuel Macron, sia stato eletto avendo presentato un programma europeista.
Se le elezioni in Italia andranno bene e non vinceranno i partiti antieuropeisti, antimmigrazione, e sono confidente che non vinceranno, potremo finalmente pensare che l’Italia, la Germania e la Francia si possano fare promotori di una ripresa del cammino verso l’integrazione europea che ultimamente si era interrotto. Un esempio concreto di quanto sia importante creare una strategia di difesa e di politica internazionale comune, lo abbiamo avuto con la questione degli immigranti provenienti dai Paesi mediorientali e dalle guerre che stanno devastando quei territori. Se noi abbiamo avuto problemi con gli immigranti è perché la politica di questi Paesi è stata gestita dagli USA. Agli Stati Uniti d’America interessa poco di ciò che queste guerre e le conseguenti gravi crisi umanitarie possono significare per l’Europa. Aggiungo che non è pensabile una politica estera senza esercito e Macron si è finalmente espresso a favore della creazione di un Esercito degli Stati Uniti d’Europa e della politica estera gestita a livello unitario.
L’Europa fino ad ora ha fatto amministrazione spicciola ed è tempo che si occupi di politica internazionale.

È necessario incentivare i rapporti economici e culturali fra Fiume e Trieste, il FVG e la Regione Litoraneo-Montana

Quali sono le possibilità di collaborazione tra Fiume e Trieste sul piano economico e culturale?

Le prime collaborazioni che devono venir instaurate, sono quelle fra le istituzioni, fra i servizi di pubblica di utilità, luce gas, acqua, un sistema comune di raccolta dei rifiuti che va organizzato su un territorio più ampio e poi la sanità dove le sinergie possono essere molto importanti. A Trieste e in Regione, abbiamo necessità di assumere personale, infermieri e medici. Ma dobbiamo anche concepire una strategia in termini di sviluppo comune della ricerca medica e di altri settori legati al mondo della scienza. Importane la collaborazione nel campo della cultura, non solo a favore dei nostri cittadini. La cultura e l’arte sono un fattore importante per attrare i turisti. Anche per questo bisognerebbe pensare a una strategia comune per quanto riguarda i trasporti, potremmo avere una significativa collaborazione per quello che in inglese si chiama incoming”.

Fiume sarà nel 2020 Capitale europea della cultura

“E Trieste Capitale della scienza nel 2020. Scienza e cultura sono a loro modo due campi vicini e complementari. Scienza e cultura per definizione, non hanno confini. Quando si ottengono dei risultati nel campo della ricerca scientifica i risultati vengono immediatamente condivisi. Questa rappresenta un collante fra le popolazioni, così come la musica, l’arte visiva. La letteratura può essere compresa da persone che parlano lingue diverse grazie alle traduzioni. Sicuramente bisognerebbe cercare di creare dei progetti comuni fra queste due Capitali europee 2020.

Quali strategie di sviluppo che hanno portato a un rilancio dell’economia della Regione Friuli Venezia Giulia, potrebbero essere applicate a Fiume e nella Regione Litoraneo-Montana?

Credo che ci siano delle attività simili svolte a Fiume e Trieste, in particolare per quanto riguarda i traffici marittimi e portuali, attività fortemente complementari. Una delle punte di diamante per Trieste e la Regione del FVG è senz’altro la Ricerca. Per questo credo che per la vostra città sarebbe opportuno incrementare proprio questi aspetti, i traffici marittimi e portuali e la ricerca. Molte risorse del Fiumano potrebbero beneficiare di queste aree di ricerca. Trieste e il FVG, d’altra parte, dovrebbero seguire il vostro esempio per quanto riguarda il turismo. La vostra regione ha iniziato prima di noi e sta attualmente ottenendo degli ottimi risultati. Abbiamo da imparare da voi per quanto riguarda il turismo e sono dell’avviso che in un prossimo futuro bisognerà pensare a creare delle attività comuni per attrarre i turisti sia a Trieste e nel FVG, sia a Fiume e nella Regione Litoraneo-Montana.

Lei individua nella questione immigrazione la potenzialità per creare nuovi posti di lavoro e una importante risorsa per l’economia italiana. Fiume è una città da cui si emigra. Si calcola che negli ultimi dieci anni da Fiume siano emigrati 20.000 giovani che sono andati a cercare un’occasione di lavoro in paesi come l’Irlanda e la Germania. Vale la pena di studiare una strategia per fermare questo fenomeno in una città come Fiume che sembra non avere dei progetti economici a lungo termine?

Si tratta di quello che potrei definire un metodo domino. Certe persone se ne vanno dai nostri Paesi e altre vengono. Sono dei fenomeni spontanei che sarebbe meglio governare, ma bisogna prima studiarli, capirne i motivi. Occorre capire il perché molti giovani decidono di andare a lavorare altrove. Non sempre il motivo è la retribuzione. Molto spesso i ricercatori italiani se ne vanno negli USA perché lì riescono ad esprimere le loro potenzialità. In America c’è più attenzione verso la ricerca. Compresi i motivi è possibile arginarli. Non è facile. Ma fra un atteggiamento passivo per quel che riguarda l’immigrazione è preferibile scegliere un atteggiamento timidamente proattivo per quanto riguarda l’arginamento del fenomeno emigrazione. Non basta convincere la gente a tornare offrendo loro solo degli incentivi economici. Per quanto riguarda il mondo della ricerca, l’ambiente deve essere più attraente. Bisogna agire in maniera proattiva copiando dai migliori, in questo caso dagli Stati Uniti. Gli Istituti italiani di economia in Italia dovrebbero prendere le persone migliori e incaricarle di gestire i centri di ricerca. Bisognerebbe agire sulle leve utilizzabili. Non si può ovviamente impedire alle persone di muoversi ma possiamo adottare dei correttivi per impedire questi massicci esodi di cervelli e talenti.

Bilinguismo visivo:Quando divenni sindaco mi fecero notare che a Trieste esisteva la normativa che prevedeva l’uso dei cartelli bilingui, italiani e sloveni. E io li misi, perché era giusto

La Lista per Fiume ha promosso da qualche tempo una campagna per il ripristino del bilinguismo visivo a Fiume. In base alla sua esperienza, quali consigli può dare a coloro che sono impegnati in questa campagna e cosa consiglia agli organismi preposti ad apportare le modifiche dello Statuto della Città di Fiume che renderebbero possibile la reintroduzione del bilinguismo visivo?

Durante i 5 anni di presidenza della Regione mi sono battuto per far approvare una legge di tutela per le minoranze slovena, friulana e tedesca. Lo feci in maniera convinta perché la tutela delle minoranze è una ricchezza per tutti, non solo per le minoranze. La cultura e l’arte per svilupparsi, abbisognano di molta creatività. Avere una popolazione mista consente di aumentare la creatività presente in un territorio. Esiste una legge della Cinetica che si chiama “Legge della Varietà Necessaria” e che dice che: “Per ogni sistema che ne governa un altro, il sistema complesso più ampio deve avere un grado di complessità comparabile al sistema che ne è governato”, ovvero che quanti più saranno gli insiemi, quello che dominerà sarà quello che avrà la capacità di assumere più varietà di comportamenti all’interno di una società. Mi ispirai a questi principi quando sostenni queste leggi per la tutela delle comunità linguistiche e nazionali. Gli italiani a Fiume e i n Regione, in Croazia, costituiscono una ricchezza però il rischio è quello dell’assimilazione. Mi piace pensare a un modello di convivenza che definisco di integrazione conservativa. Non ghetti, ma progetti per facilitare la conservazione degli elementi linguistici e culturali. La conservazione si fa con le leggi, i finanziamenti, le associazioni che vanno sostenute. In Paesi dove non si è badato a seguire un tipo di integrazione conservativa, come gli Stati Uniti, praticamente nessuno più parla italiano.
Per quanto riguarda il bilinguismo visivo penso che per la Città di Fiume ciò potrebbe interessare anche i tanti italiani che vengono qui come turisti. Quando divenni sindaco mi fecero notare che a Trieste esisteva la normativa che prevedeva l’uso dei cartelli bilingui, italiani e sloveni. E io li misi. Tanti sloveni vengono oggi da noi. Vengono volentieri anche perché vedono che la loro identità linguistica viene rispettata. Anche a Trieste ci furono delle forze che tentarono di impedire l’introduzione dei cartelli bilingui, sollevarono molte questioni, ma io decisi di resistere e di fare quello che secondo me era giusto.

Per concludere?

Per concludere vorrei fare presente agli elettori che è importante votare. In Italia prevedono un astensionismo molto forte per le imminenti elezioni. Voglio ricordare che il voto è un diritto e allo stesso tempo un dovere. Ed è meglio, come dice un proverbio, pentirsi di aver fatto una cosa che pentirsi di non averla fatta. I giovani inglesi non hanno votato in occasione del referendum sulla Brexit e ora si pentono di non averlo fatto. Chi ha diritto di voto è meglio che vada a votare piuttosto che poi rimpianga di aver rinunciato a un suo diritto. (laura marchig)

Midas

Click to add a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Kolumne

More in Kolumne

Koliko je djecu uopće briga za vašu seksualnu orijentaciju?

spNovember 26, 2018

Kuljiš: Festival uhljeba i zloslutna grmljavina s Pantovčaka

spNovember 1, 2018

KOMENTAR: Spaljeni ili liječeni

spOctober 19, 2018

Denis Kuljiš: Milijan ustaje iz mrtvih?

spOctober 19, 2018

Svi Vasini i Komadinini ljudi!

spOctober 5, 2018

Denis Kuljiš: Tko će priopćiti Vladi? Sljedeći je Brodosplit…

adminSeptember 19, 2018

KOMENTAR: Mali vs. Veliki socijalistički lopovi!

spSeptember 15, 2018

Reagiranje: Danko Končar oštro odbacuje tvrdnje iz teksta ‘Potpomognuto samoubojstvo brodogradnje’

spSeptember 14, 2018

Kruha i jogurta, daj nam danas

spSeptember 13, 2018

Copyright © 2017 Rijeka danas.