Kolumne

Fifi e Riri, quele due teste de aquila

Fifi e Riri, quele due teste de aquila

Portal Rijeka Danas pokreće kolumnu na fiumanskom jeziku ‘La scartaza’ u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije

El nostro portal “Rijeka danas”, che po’ saria come dir “Fiume ogi”, in ocasion dei primi festegiamenti uficiali coi quai se vol ricordar el stema e la bandiera storica fiumana, el scominzia a publicar una rubrica satirica in dialeto fiuman, che po’ saria una serie de sketch che podemo anche ciamar “comedie e monade”. Semo ‘sai contenti che dopo tanto lavoro e tanto impegno, la Zità de Fiume a cui tuti noi ghe volemo un ben de la anima, la sta trovando el modo e la maniera de far pase con la sua storia, coi sui simboli e la sua cultura complicada, ma ‘sai precisa.
‘Sta bela storia, ‘sto bel processo de rinovamento, ga avudo el suo momento simbolico più importante, un ano fa, o meio, per esser precisi, el 19 april del 2017, quando che la Aquila fiumana la xe tornada su la Tore civica. Ecco come che alora era andade le robe:

Iera cussì tanto tempo che la Aquila a due teste ‘no la guardava el mondo da la zima de la Tore de Fiume, che, co’ un ano fa i la ga calumada de ritorno sora, co’ la se ga vista messa cussì in alto, ghe ga ciapà come de cascar in svanimento, come un giramento de testa, anzi, un dopio giramento de le due teste, che povere, no’ le capiva gnente: né chi che xe, né chi che no’ xe, né cossa xe, né cossa no’ xe; né in che ano che le se trova, se semo in primavera o in autuno, se xe passa la Madona Candelora e de el inverno semo drento, o inveze semo fora, perché quel giorno sufiava una bora che Dio la mandava.
E ‘ste due teste, le se ga messo tutintun a parlar, a ciacolar fra de lore, per darse un tono, poverete, per farse un poco de coragio; e, a quanto par, ancora no’ le ga smesso.
Ma scoltemo, scoltemo cossa che le dixeva quele due teste de aquila, che le ga anche due bei nomi, una la se ciama Fifi e la altra Riri.

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia, che remitur! Tute ‘ste feste che i ne ga fato, ‘ste bandiere che i ga sventolado! No’ son più abituada a tuto ‘sto trambusto. Ma Riri mia, semo de novo qua, de novo qua!
RIRI: Oh Fifi, dopo tanti ani, sbatude via, sconte in tel bus de el cul de la galina!

FIFI: Riri mia, che bel sentirte de novo, che per guardarte no’ te guardo, che me vien el torzicolo!
Ma no’ stemo parlar de coli che no’ me voio ricordar de quando che i me ga decapità.
RIRI: Ja, iera el 4 novembre del ‘19. Quei due tochi de mona de legionari de D’Annunzio che noi capiva un clinz de cossa che rapresentemo mi e ti, che semo le teste de la Aquila de Fiume, un segno de autonomia de la zita, no’ centremo un tubo con la aquila de el Impero Austroungarico. E come se no’ bastassi, dopo ghe era sempre qualche sempio che per esser delicato, el me domandava dove che xe finida mia sorela Maria Antonieta.

FIFI: Maria Antonieta no, questo po’ xe tropo. Nissun che se permeti de ciamarme in ‘sto modo!
RIRI: Ti vol che ricordemo come che me la go passà mi sola, co’ i drusi me ga fato in tochi? Testa, zate, ali, coda, panza, budei, anfora e acqua che scori INDEFICIENTER?

FIFI: Insoma, come se dise, i ga butà via l’aquila con tuta la acqua! No, no’ voio pensar a ‘ste robe, no voio! Adesso semo de novo qua. Voio pensar al futuro… a proposito, chi governa adesso ‘sta zita? Chi xe vegnù qua per governar per sempre che par che no’l se gabi mai gnanca mosso?
RIRI: Ja, ogni dun che se ricorda de vegnir comandar a Fiume, conta che el ghe xe sempre stado solo che lui, nissun altro che lui! Co’ i me ga sbatù de soto, andava de moda una roba ciamada Jugoslavia.

FIFI: Speta che ghe domando a quei che ne fotografa e che i ne guarda col muso per aria.
RIRI: Sì brava, domandighe ti, che mi son un poco sordastra.

FIFI: Ehi voi, chi comanda ‘sta zità? Semo in Jugoslavia?
RIRI: Cossa i dise?

FIFI: Che la xe defonta.
RIRI: Ghe xe de novo la Defonta? Ma no’ la era defonta?

FIFI: Ma no, i dise che la Jugoslavia xe defonta!
RIRI: Defonta! E alora ghe xe denovo el Stato Libero de Fiume?

FIFI: Speta che domando! I dise che anche quel el xe defonto, ancora sempre, ma ghe xe certi d’uni che spera che el torni a nasser.
RIRI: No’ ghe sarà de novo un che vol costituir qualche Regenza del Carnaro?

FIFI: No’ sta parlar monade. Ti vol che i me tai de novo la testa co’ la go apena, apena ritrovada?
RIRI: E la Italia?

FIFI: Speta che domando…Par che la sia emigrada. Par che la gabi deto: “Bon fioi, adesso ciao, mi vado. Ciudè el gas e ‘ste atenti de no far dani…e rangeve.
RIRI: La Defonta, de la Defonta, de la Defonta … ma insoma, chi comanda?

FIFI: Speta che domando? Eco là, ghe xe quel signor bel in carne che pasegia, e che el se dà una aria de importanza. Ehi lei, signor, ma qua chi comanda?
RIRI: Cossa el ga deto, che mi son un poco dura de recie?

FIFI: Che qua ghe saria una certa Croazia.
RIRI: Gavevo già sentido. Ma no’ la era defonta anche quela là?

FIFI: Risorta.
RIRI: Che Dio ghe dia alora che la duri!

FIFI: Ma speta che ‘sto omo el ziga qualcossa. El dise che el xe el sindaco e xe lui che el comanda. El dise che el se ga autoproclamado sindaco ab aeterno, per dirla in latin. E el ga giuntà che no’ stemo romper le togne, che gavemo già roto bastanza con ‘sta storia che volevimo tornar su la Tore, che lui devi andar lavorar, che el ga de ocuparse de una intiera zità e nol pol perder tempo co ‘ste nostre monade su la storia de Fiume.
RIRI: Jesus i Maria, me par che el se ga assai impizado! Cossa el sta contando ancora, cossa el ziga?

FIFI: Speta che scolto! Eco. El se ga messo zigar che cossa volemo, che in sta zità mi e ti no’ ghe semo stade de la fin de la fine de la Seconda guera mondial, e che la vera storia de Fiume xe cominciada co’ semo andade via noi e xe rivadi i partigiani. Che prima la gente stava ‘sai mal e che dopo la xe stada sai ben. Tuto late e miel.
RIRI: Setanta ani de late e miel!

FIFI: E adesso, ne i ultimi ani, anche dopio late e miel i ga ciuciado i fiumani, tanto che a forza de ciuciar, ai zitadini de Fiume ghe se ga alzado la pression e i ris’ciava che ghe vegni a tuti el diabete. E lui, che sai ghe vol ben a la sua zente, el xe ‘sta costreto a meter i fiumani a stecheto, perché la dieta, in certi casi, xe, come che disi quei che parla pulito, “una mano santa”.
RIRI: Ah Fifi mia, la riceta se la conossi. La se ciama: “Strategia de come cavarghe el late e miel a la zente”.

FIFI: Prima de tuto ti ghe cavi via el lavor ai zitadini, e ti lo fa mandando a remengo fabriche e aziende.
RIRI: Bon, sicuro qua ghe ga messo le zate altri che no’ ghe vol proprio tanto ben a ‘sta zità e i nostri magiorenti i se gaverà dovudo adeguar.

FIFI: E insoma cossa ti fa co’ ti seri le fabriche e i squeri? Ti apri tanti zentri in dove che i sbagaza straze e monade che se pol trovar in ogni altro logo de el mondo, con zerti bei nomi come tipo ZTC, WTC e po’ Kaufland e po’ LIDL …
RIRI: …e ti sgnachi zimento e zimento, vizin al mar, sui coli, le braide, i valoni, in ogni zentimetro indove che cresse un fil de erba ti ti ghe sgnachi el zimento.

FIFI: ‘Sti afari de zimento indove che se vendi straze e monade, i porta poco utile, ma in compenso i produse molti giri de soldi che ghe va in te le scarsele solo a pochi.
RIRI: El zitadin, alora, magnando de meno, el scominzia a dimagrir e el se cura, el se risana. Se propio ghe par che ‘sta dieta no’ la fazi per lui, nissun ghe impedissi al bravo zitadin, de ciapar baraca, buratini, moglie, fioi, gati, cani, criceti e papagai, per trasferirse in posti in dove che ancora se magna, se ingrassa e se pol ciapar el diabete.

FIFI: Che bel quando che la politica insieme con la economia la opera pensando al ben de la zente!
RIRI: Jesus i Maria!

Midas

Click to add a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Kolumne

More in Kolumne

Koliko je djecu uopće briga za vašu seksualnu orijentaciju?

spNovember 26, 2018

Kuljiš: Festival uhljeba i zloslutna grmljavina s Pantovčaka

spNovember 1, 2018

KOMENTAR: Spaljeni ili liječeni

spOctober 19, 2018

Denis Kuljiš: Milijan ustaje iz mrtvih?

spOctober 19, 2018

Svi Vasini i Komadinini ljudi!

spOctober 5, 2018

Denis Kuljiš: Tko će priopćiti Vladi? Sljedeći je Brodosplit…

adminSeptember 19, 2018

KOMENTAR: Mali vs. Veliki socijalistički lopovi!

spSeptember 15, 2018

Reagiranje: Danko Končar oštro odbacuje tvrdnje iz teksta ‘Potpomognuto samoubojstvo brodogradnje’

spSeptember 14, 2018

Kruha i jogurta, daj nam danas

spSeptember 13, 2018

Copyright © 2017 Rijeka danas.