Home Kolumne La scartaza: Dimela cantando

La scartaza: Dimela cantando

1526
0
Portal Rijeka Danas nastavlja s kolumnom na fiumanskom jeziku 'La scartaza' u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia, che slavaz!
RIRI: ‘Sto autuno xe cussì. E po’ co’ piove a Fiume, veramente piove.

FIFI: Ma dai, stemo contente che xe cussì bel scoltar per una volta la musica de la piova e gnente più. I sonadori de strada che da la matina a la sera i se caluma sempre a far gheto soto le finestre de la zente che vive in Corso, adesso i xe scampadi per no’ bagnarse e stemo finalmente un bich tranquilli.
RIRI: E no’ xe che la musica no’ ne piase, che anzi, xe una medicina per la mente e per la anima.

FIFI: I Corsolani (che po’ saria una mia invenzion per dir la zente che vivi in te le case che da sul Corso), i ga anche dirito ogni tanto de riposar le rece.
RIRI: E te lo conferma una che de rece la se intende, perché come che son dura mi de rece, spece co’ no voio scoltar le monade che spara zerti sparadori de monade professionisti, ‘no xe duro nissun!

FIFI: Altro che riposar le rece! Cossa no’ ti senti oltre la piova, qua soto, drento de la porta de la Tore, arivar come un “La, la, la”.
RIRI: Un dopio “La, la la” de due vosi de done che canta, una ben, che la insegna, la altra zerca de cantar e de ripeter. Sdocia, prova se ti rivi veder chi che “lalalasca” qua soto al riparo.

FIFI: Orpo! Xe la maestra de canto, la insegnante del coro dei Minicantanti del Circolo. E…orpo! La altra xe la Consigliera comunal Ivona Milinović, quela bela signorina che qualche mese fa la ne ga mandà gentilmente cagar, a mi a ti, al sindaco, a la Lista per Fiume, a tuti i fascisti come noi che se bati per la italianità de Fiume e tuti noi che volemo riportar de novo la Italia fascista a Fiume e che semo compari de quel Zanella che iera fascista (e questa xe una prova provada perché el ga el nome italian), che ela la sa ‘ste robe perché la lege sai che libri de storia e sai la ga studià. E che qua era sempre la Croazia e che sempre la sarà e che tuto el resto iera roba ligada al fascismo…
RIRI: Me ricordo. E dopo la se ga messo a parlar certe storie che riguarda la botanica.

FIFI: La botanica?
RIRI: De salici piangenti.

FIFI: Riri, ti xe una testa de mona che fa batude de mona! E ti me fa perder el filo. E insoma ricordando i salici, la ga fato certi riferimenti a la minoranza serba che no’ li voio gnanca ripeter per creanza e perché me vien subito in mente imagini de campi de sterminio e de guera, robe che se ga ripetudo mile volte che no dovessi suceder “mai più”!
RIRI: E dopo che la ga fato el scagaz, ela che la era presidente de el Consiglio per le minoranze de Fiume, e qua permetime de sgnacarghe un bel ‘Jesus i Maria’ co’ i fiochi e i controfiochi, la se preocupa perché la ga subido un calo de popolarità fra i eletori.

FIFI: E la ga gavudo una pensada. Ma cossa digo una pensada, una pensadona! ‘Femo’ la ga deto ‘come che fa la nostra cara Colinda (già che parlemo sempre de bilinguismo visivo, la K stavolta ghe la cambio in C). La nostra bionda presidente Colinda co’ la spara cazade in periodo de campagna eletoral, la se meti cantar e la te canta con tal sentimento e lagrime, che i eletori de tanto sentirla cantar i se comuovi e i dimentica cossa che la gaveva o no’ la gaveva deto un momento prima.
RIRI: Come poco tempo fa co’ la ga dichiarado che i giogadori de el Rijeka ne i ani Setanta e fino la metà de i ani Otanta i era la riserva de i club de Belgrado “Zvezda” e “Partizan” e per questo ela tegniva per la Dinamo de Zagabria e el Hajduk de Spalato che già alora i gaveva dimostrado de esser cussi croati che più croati no’ se pol.

FIFI: Ma tornemo a la Ivona. Visto el calo de popolarità, la ga pensà de meterse cantar anche ela per guadagnar de novo punti in politica. No’ solo! Per guadagnar el dopio dei punti, la se ga ficà in testa che la canterà in italian, forse anche in fiuman. E la ga insempiado la Maestra de canto che la ghe vegni dar qualche lezion perché la se possi preparar per la prossima performance co’ ghe sarà el novo Consiglio comunal.
RIRI: E cossa no’ le poteva andar far lezion de canto in Circolo?

FIFI: La Ivona ga deto che ela no la pol andar in Circolo perché la xe alergica e se apena la metessi el piede drento la porta de el Circolo, ghe vegnissi una spizza, un brusor ai oci, a le rece, ai palmi de le mani… una roba che la diventassi tuta un fogo. E dopo stranudi, e el naso che ghe scorla…
RIRI: Xe i tipici sintomi de la italianite. Una bruta alergia, no’ xe cossa dir.
FIFI: Stemo zite che le scoltemo.

Maestra de canto: La, la, laaaa…
IVONA: (Girando la lingua in drento come un caziol) La, la, laaaa…
Maestra de canto: No consigliera Ivona, la me scolti e la riprovi. La, la, laaaa…
IVONA: (De novo metendo la lingua a caziol) La, la laaaa…
Maestra de canto: Ma no consigliera, la stia ‘tenta de no’ pronunciar la Elle co la lingua a cuciar co’ la canta in italian, che ai veri fiumani no’ ghe piasi sentir. La popolarità ghe ris’ceria ancora de calar. La provi, la sburti la lingua in avanti e la la sbati sul palato, cussì: L
IVONA: (Lingua a caziol) L
Maestra de canto: L! Ale che provemo: Le mule de Fiume le peta l’ociada…
IVONA: (Caziol) Le…(Meso caziol) Le (Quasi, quasi ghe semo) Le …mule de Rijeka…
Maestra de canto: (Coregendola e cantando) …de Fiume, le peta…
IVONA: Le peta…
Maestra de canto: …de Fiume, le peta
IVONA: Le peta, le mule…
Maestra de canto: …de Fiume le peta…
IVONA: …de Rijeka le peta…
Maestra de canto: ….de Fiume le peta…
IVONA: (Ma propio, propio che stufa.) Jebala te peta! Rijeka, Rijeka, Rijeka! (E qua assistemo a una lezion de canto che diventa un momento de alta democrazia. La Ivona ghe gira a turbine una parte interna de el aparato riprodutivo e la ciapa le note che ghe ga dado la Maestra de canto. La le sbrega, la le fa in tochetini, la comincia saltarghe de sora e la ziga de novo) Rijeka, Rijeka, Rijeka! (E po’ e co’ la lingua a cuciar la se mete cantar) L,L,Lllll…Lipa moja, lipa moja …kamen, krš, maslina i vino, ovce i ganga…sve to ima, sve to ima moja zemlja…

FIFI: Pripizdina.
RIRI: Jesus i Maria!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here