Home Kolumne (La scartaza) Fifi e Riri  e la aquila a tre teste come...

(La scartaza) Fifi e Riri  e la aquila a tre teste come dir: Martora crepada, aquila resuscitada.

258
0
Portal Rijeka Danas nastavlja s kolumnom na fiumanskom jeziku 'La scartaza' u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek

Xe ormai cinque ani che le due teste de la Aquila fiumana le xe tornà su la Tore civica di Fiume, e dopo zinque ani le continua ancora a meravigliarse, a no’ capir come che funziona le robe in ‘sta nostra zita, ma le xe anche piene de idee e de voia de misciarse con quel che sucede. La Fifi sdociando la zente che fa la fila davanti le banche co’ certi sacheti in man pieni de monede,la taca zigar come una mata:

FIFI: A mi, a mi, a mi! Demele a mi! Qua, qua, qua!

RIRI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia, cossa xe tuto ‘sto remitur, cossa ti zigi come una aquila?

FIFI: Ma no’ ti vedi tuta ‘sta zente che sta in fila co’ i sacheti pieni de monede per consegnarle a le banche?

RIRI: E alora? Xe el ultimo de l’ano, in Croazia cessa de valer la Kuna e riva l’Euro e ai zitadini i ghe ga deto che i pol portar tute le monede in banca che i ghe le cambia in Euro.

FIFI: E ti sa cossa che i ga deciso de far co’ ste monede?

RIRI: Cossa?

FIFI: I le vol fonder…liquid metal…e alora mi go pensado: perché tute ‘ste martore no’ i me le dà a mi che me xe vegnuda una idea genial e so cossa far con tuto sto metal?

RIRI: Ala conta, sentimo ‘sta idea genial.

FIFI: Co’ le martore fuse mi me facio prontar una terza testa de aquila e me la calumo drito, drito sul gropon. Come dise quel vecio deto: ‘Martora crepada, aquila resuscitada! E po’ xe anche ecologico, riciclemo.

RIRI: Una terza testa? No’ se ga mai visto una aquila con tre teste.

FIFI: Ja, ma cerca de capirme: star sempre solo che con ti, che ti xe dura de recia, ti brontoli tuto el giorno, no’ te va mai ben gnente. Sempre mi e ti, ti e mi, impilade su ‘sta Tore, come statue…

RIRI: Ma semo statue!

FIFI: Gavessi proprio voia de tambascar con una terza testa che no’ la gavessi de rugnar su tuto come che ti fa ti.

RIRI: Ma se in due femo già tanto de quel geto e gavemo fato rabiar tanti de lori per via de ste due linguaze che no’ le sta mai zite! Ti te imagini cossa poderia nasser se de teste la aquila fiumana ghe ne gavessi tre? Qualchedun saria anche capace, per via una butada de ‘sta nova famosa testa, de volerse rampigar de novo su la Tore e zac, zac, zac, i ne taia in una volta tuti e tre i coli e po’ i ne fa a tocheti: zate, ale, panza, coda e i ne buta via con tuta la broca de la aqua che scori Indeficienter.

FIFI: Bon, disemo che ti me ga convinto. Ti sa che go i traumi del passato e a la sola idea che qualchedun se possi rampigar qua sora con un segheto in man, me ciapa svenimenti. Gnente terza testa. Ma istesso penso che certe volte me piaseria no’ star sempre calumada sora la Tore, no’ esser una statua, ma andar torziolon per el ziel e sdociar qua e là cossa che sucede in giro e no’ sempre doverghe domandar informazioni al Signor Patoco co’ el passa per el Corso. Ogi che xe el ultimo de el ano, per esempio, e che la Croazia entrerà a la mesanote in t’el spazio Schengen, me piaseria ‘ssai andar su a Rupa o in qualche altro confin co’ la Slovenia, veder come i li apri ‘sti benedeti confini. A  mesanote invece che slucar Prosecco o Bakarska Vodica, volessi divertirme a andar su e zo per el ex confin senza che me fermi un doganier o senza doverghe mostrar i documenti a nissun, per vedere l’effetto che fa, come che gavessi deto Jannacci.

FIFI: Dai, speremo che questo sia un bel regalo che ne fa ‘sto ano vecio che el xe sta bisesto e disgraziado. Tra guere, diriti umani mastruzadi, la crisi energetica global, tra catastrofi varie e minacce che riva un giorno sì e un giorno anche da parte de la Russia, de volerne fis’ciar un per de bombe atomiche “tatiche”, se no’ saria che sto ano vecio el ne saluta co’ un sofio de bona speranza per el futuro, mi al 2022 ghe gavessi deto solo che: ‘finissila de missiar la merda e va in pension!’ Ma invece cussì go un fiatin de voia de guardar al futuro co’ un bich de otimismo.

FIFI: Ti sa cossa bisognassi far de bon principio: meter subito in riga ‘sto ano che vien. Per incominciar, podessimo scriverlo con la minuscola: “ano novo 2023”. E ‘sta roba serviria a farghe calar le ale.

RIRI: Giusto, perché no’ el se monti la testa, come che capita con molti giovani de ogi che i credi sempre de saver già tuto e de poderghe insegnar ai più veci come che se vivi.

FIFI: Proprio convinti de saver tuto! Perché, i te spiega, i se informa seguendo i canai internet “de la vera verità” indove che tambasca certi guru de le Università de Vattelappesca.

RIRI: El 2022 jera un ano bisestil e, vaca mastela, xe capità de tuto e de più! Ano bisesto, ano funesto. Ma anche el 2023 sarà bisestil!

FIFI: Dopio ano bisesto! Mostremo corni e bicorni. Doveriimo indir un referendum per blocar el 29 febraio.

RIRI: Ghe dovemo dir al ano novo: ‘Scolta ti, ano novo, vara de rigar drito se no te scurto subito de un 365 giorni! E el 29 febraio lo brusemo in piaza come che se fa col Carneval.

FIFI: ‘Scolta ti ano novo’ ghe dovessimo ancora contar ‘zerca de far el bravo e farghe vegnir un poco de sal in zuca a certa la zente, faghe torvar in t’e la anticamera de el zerveleto un poco de senso etico e moral!

RIRI: Un senso per la giustizia. Zerca de farghe cessar quela eterna voia de voler maltratar e comandar qualche d’un solo perché ti sa de poderlo far.

FIFI: Col vecio ano butemo via el COVID e tute le magagne.

FIFI: Al ano novo no’ dovemo dimenticar de dirghe de dar una bela ociada a la nostra Fiume che un tempo la jera famosa per esser cosmopolita e progressista, perché adesso circola certe idee retrograde che qua no’ le dovessi trovar posto.

RIRI: Bisognassi dirghe de darse subito de far perché se rispeti le diferenze e se soporti chi che vien de noi trovar rifugio e no’ che se parli de volerli scaziar via coi manganei.

FIFI: Che bruta roba! Gnanche de ripeter. Ma sa cossa, ‘sto fato che bisognassi insister perché se rispeti i diriti de le minoranze, come che bisognassi inister perché se onori le promesse fate a ‘ste minoranze, riguarda anche el nostro Munizipio. Cossa nassi a questo proposito col progeto de el bilinguismo visivo? Cossa no’ doveva esser una roba già fata e strafata e regolada da tempo? Cossa se sta spetando per aplicar sto benedeto bilinguismo visivo?

RIRI: Le calende greche

FIFI: Qua se ga istituido comisioni, se ga fato progeti, se ga tambascà al infinito, ma po’?

RIRI: Gnete de gnete.

FIFI: Come se dise? Ogni promessa è un debito. El ripristino de el bilinguismo visivo el resta ancora un debito che ga la Zità de Fiume  ne i confronti de la Comunità italiana.

RIRI: Vara che ‘sto ano se vedemo che tuto resta ancora ingropado, ne tocherà tornar zigar come aquile e zigheremo cusì tanto che i ne sentirà fin su a Bruxelles.

FIFI: Zigar no’ xe educato.

RIRI: Ma gnanche zurmar la gente, ciaparla per el fioco.

FIFI: E come se giustifica el novo sindaco per el fato che la promessa de ripristinar el bilinguismo visivo no’ xe stada mantegnuda?

FIFI: Eh gnete, el ga deto che lui no’ sa, che ghe dispiase, ma giusto co’ se prometeva quei de el Munizipio no’ i se jera gnanche inacorti de gaver, ma proprio in quel momento, guarda el caso, incrociado i diti de drio la s’cena.

RIRI: Jesus i Maria!

Previous articleMarin Ljubičić zanimljivo komentirao prodaju Stipe Biuka iz Hajduka
Next articleGrlić Radman: Ministarstvo nije izdalo nikakve dokumente za posvajanje djece iz Konga

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here