Kolumne

Fifi e Riri el bilinguismo e el referendum contro le aquile che ga due teste

Fifi e Riri el bilinguismo e el referendum contro le aquile che ga due teste

Portal Rijeka Danas pokrenuo je kolumnu na fiumanskom jeziku ‘La scartaza’ u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek

Le due teste de la Aquila fiumana che xe de poco tornà su la Tore civica, le continua a meravigliarse, a no capir, dopo tanti ani che le era lontan da sta nostra zità, cossa che sucede, come che funziona le robe e come che no’ le funziona:

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia! Riri mia, ma a ti te par che te servi i ociai?
RIRI: ‘No me par per la verità, eco che rivo veder le pecore che pascola là su la isola de Cherso, soto Beli, e vedo anche un grifon che ghe svola de sora, sperando che magari a una de lore ghe capiti una disgrazia e che la caschi zo de le grote, in qualche graia.

FIRI: Vedo anche mi. Alora i ociai ancora no’ me servi, go sempre una vista de aquila, pareria. Ma alora, cossa xe ‘ste scrite sui negozi, sui edifizi publici, che no’ capisso. Cossa xe scrito tuto in croato?
RIRI: Mi me ricordo che per tanti e tanti ani ti legevi scrito su le insegne dei negozi in italian, “Calzolaio”, che saria po’ caligher, o pec che chi che parla in cichera lo ciama “panettiere”, modista… Me ricordo che ghe era anche scrite in tedesco e in ungherese co’ chi ghe tegniva el negozio era tedesco o ungherese, e ghe era anche, ma poche, scrite in croato.

FIFI: Mi me ricordo co’ i ga messo le scrite bilingui, in croato e in italian, dopo che xe ‘rivà i drusi e ga cominciado el famoso periodo in cui scoreva solo che late e miel, come che dise el sindaco.
RIRI: Sì, quel cocolo omo che ne ga ciolto in cussì grande simpatia!

FIFI: Ecolo che el passa el nostro sindaco. Ti vol che ghe domando?
RIRI: Domanda ti, domanda, e po’ riferisi, che mi son un poco dura de recie.

FIFI: Signor sindaco! Dove le xe finde le scrite bilingui dei tempi che xe rivadi i partigiani in zità?
RIRI: Cossa el disi?

FIFI: Che no’ stemo romper le togne co’ sta storia de le scrite bilingui, che gavemo già roto abastanza e che a lui no’ ghe va de meterle de novo per via che per lui xe un fato emotivo.
RIRI: Un fato emotivo. Me par logica come spiegazion!

FIFI: Mi ‘no capisso gnente. Ma me lo ga deto anche el signor Mohorac col el xe vegnù qua coi altri nostri esuli per San Vito. “Povere”, el me ga deto “xe normale che non capì gnente. Xe tuto cusì cambiado de quela volta che se sta’ sbatude zo de la Tore! E la lingua? Ti sentivi parlar croato, ma poco poco, e adesso solo che croato. Xe cambià la zente, la musica xe cambià!
RIRI: La musica, ja, anche la musica! Prima in tei locai sul Corso se sonava musica dal vivo, e swing e jazz e robe de sesto e de gusto, senza ‘sti gheti infernali che sponsoriza quei del club dei “amici del gheto”,‘sti, ciamili concerti, coi decibel che scassa el zervel e va avanti tuta la note che la zente né a Cosala, né a Drenova, né a Sussak e Tersatto, noi pol dormir…E ma, dime cossa dise i fiumani patochi de ‘sta storia che no’ xe più le scrite bilingui? Quei pochi disgraziadi che se pol ancora ciamar patochi!

FIFI: Che sdocio un poco el Corso, se passa qualchedun che ghe domando. Eccolo là un patoco- patoco. Ehi là, signor Patoco! Cossa la disi lei che a Fiume pochi se movi per rimeter su le scrite bilingui?
RIRI: Cossa el tambasca?

FIFI: El ga deto che parlemo pian che noi ne senti, che no’ se sa mai se a qualchedun ghe gira, i saria capaci de riaprir Goli Otok e sc’iafarghe là quei che ga una propria opinion.
RIRI: Jesus i Maria! Ma no’ xe arivada la democrazia? No’ semo tuti liberi de pensar e de dir cossa che volemo?

FIFI: Cossa ti vol che te digo, Riri mia! Co’ uno xe abituà per tanti ani a pensar in una zerta maniera, xe difizile cambiar! Ma el Patoco el ga deto, parlando pian che no’ i lo senti, che comunque sì, de massima ai patochi, quei de la Comunità dei Italiani, ghe piasessi tanto de gaver de novo le scrite anche in talian, ma noi sa come far. “Cossa far, cossa no’ far”, i disi zerti “e se poi el cugin de la sorela del fradel de mio marito che xe diretor de scola e che el xe nel SDP, el perde el posto per via che el se ga permesso de pensar troppo co’ la sua testa? E se quel patoco che ga una posizion politica importante in Comun o ne la Assemblea de la Region, po’ perché el ga pensà con la sua testa, el perdi el posto?
RIRI: Ai tempi dei tempi ‘sta roba la ciamavimo “clientelismo”.

FIFI: Anche adesso, me par.
RIRI: Bon, ma gnanche el fato che la legge, i acordi intenazionali fra Croazia e Italia ghe imponessi a la Zità de Fiume de ripristinar el bilinguismo, no’ li convince?

FIFI: Ma gnanche el fato che semo una de le poche zità muticulturali de la Region, cossa digo, in Europa, che no’ rispeta el dirito de riapropriarse de la propria storia, che po’ saria fra le altre robe ciorse indrio el dirito a rimeter el bilinguismo visivo?
RIRI: Ala dai, semo positivi e pensemo positivo. Ghe xe de bon che dopo gaver pensà e ripensà, dopo gaver missià, rimandà, sburtà un poco in avanti, zumà el dopio indrio, par che la Comunità dei Italiani de Fiume gabi aprovà finalmente una comission incarigada de far una proposta per el ripristino del bilinguismo.

FIFI: E con drento esperti domaci ma anche esuli.
RIRI: Insoma de le some, Fifi, mi spero ben! Anche se le comissioni de solito ti le meti su per ingropar le robe e slungar i tempi inveze che sveltir tuto e sburtar. Spero che se rivarà meter de parte tuti i risentimenti, i più bruti nazionalismi, che chi che deve, rivarà far pace con la storia per guardar in avanti.

FIFI: Basta che ‘no se torni indrio. Vara cossa capita in giro, ‘sti referendum per cavarghe i diriti a le minoranze!
RIRI: E mi e ti, ris’cemo de bruto, sa! Più minoranza de cussì! Una aquila a due teste che la guarda solo che de una parte, no’ la se ga mai visto e spero che a qualchedun no’ ghe vegni inamente de indir un referendum per pretender che ne se tai de novo una testa perché le aquile che xe in minoranza no’ ghe dovessi rubar i diriti a quele che xe in magiornaza e che le ga una testa sola.

FIFI: Tanto de capel a chi che ne difendi, a noi minoranze, alora, e lo fa come ato de ziviltà. Chi che difende el dirito de una aquila de gaver le sue due bele teste e a una minoranza de gaver chi che la rapresenti in parlamento. El signor Furio e el signor sindaco me ga assai piasso ‘sta volta. A quei de el referendum per el popolo che deve decider e le minoranze soportar, i ghe ga deto s’ceto e neto de no’ romper le togne ‘co sta storia che bisogna cavarghe i diriti a le minorenze e che i vadi a far robe più importanti…
RIRI: Più importanti tipo?

FIFI: Cossa so mi, tipo far balete coi mocoli!
RIRI: Jesus i Maria!

Midas

Click to add a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Kolumne

More in Kolumne

Denis Kuljiš: U 2.krug predsjedničkih izbora idu Kolinda i Kolakušić!

spJanuary 15, 2019

Denis Kuljiš: Upravljaju li Hrvatskom amateri?

spJanuary 5, 2019

Koliko je djecu uopće briga za vašu seksualnu orijentaciju?

spNovember 26, 2018

Kuljiš: Festival uhljeba i zloslutna grmljavina s Pantovčaka

spNovember 1, 2018

KOMENTAR: Spaljeni ili liječeni

spOctober 19, 2018

Denis Kuljiš: Milijan ustaje iz mrtvih?

spOctober 19, 2018

Svi Vasini i Komadinini ljudi!

spOctober 5, 2018

Denis Kuljiš: Tko će priopćiti Vladi? Sljedeći je Brodosplit…

adminSeptember 19, 2018

KOMENTAR: Mali vs. Veliki socijalistički lopovi!

spSeptember 15, 2018

Copyright © 2017 Rijeka danas.