Home Kolumne FIFI & RIRI: Allarmi, siam fascisti! (7)

FIFI & RIRI: Allarmi, siam fascisti! (7)

2470
3
Portal Rijeka Danas nastavlja s kolumnom na fiumanskom jeziku ‘La scartaza’ u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia, che remitur! Una se tien in disparte per un bic de tempo, e prima che ti te giri e ti te volti, xe già tornà el mese de giugno, el mese del nostro Santo patron.

RIRI: Jesus i Maria! Vara quanta zente che camina su e zo per el Corso, vara che robe che xe sucesse!

SIGNOR PATOCO: No’ posso creder, la testimone muta del nostro tempo la ga parlà de novo co’ tute due le teste! Scolta ti trubila, Aquilazza fiumana, usel con un cul e due coli, perché ti stavi zita?

RIRI: Vara, el Signor Patoco! Cocolo! Cossa el tambasca? Contime ti che son dura de recia.

FIFI: El domanda perché stavimo zite come mone mentre che qua soto de noi sucedeva un poco de tuto. (Al Signor Patoco). Signor mio, ne se ga sbrega’ una ala. No’ ghe conto i particolari per amor de la sintesi

SIGNOR PATOCO: Ma cossa ghe c’entra che voi due teste de usel, no’ gavè parlà de la scorsa estate? No se parla miga co’ le ali!

FIFI: Xe vero ma, de el dolor podevimo solo che zigar come aquile e sto zigo se confondeva con el zigo dei cucai.

RIRI: Basta, no’ me voio ricordar de ‘ste brute robe che xe preciso come ricordar sempre quela storia de quando che quei tumberle de Legionari de D’Annunzio zento ani fa, i te ga taiado la testa a ti e dopo, co’ xe rivadi i drusi, i me ga fato la festa a mi taiandome in tochi come un salame de Viena, testa, zate, ali, coda, panza, budei, anfora e acqua che scori INDEFICIENTER.

RIRI: Ma intanto che tasevimo, zerte robe che ga promosso la Lista per Fiume e la Associazion Stato Libero de Fiume, le xe andà in porto, almeno in parte.

FIFI: Dighe bravi anche a quei de la Comunità dei Italiani che se ga roto el cul anche lori per portar de novo una sufiada de fiumanità. Buta xo un ocio in Piazza de le Erbe o in Piazza Kobler, come che te piase de più ciamarla. Vara le nove tabele co’ i toponimi che i ga messo!

RIRI: Me go godudo el spetacolo de quando che i le ga calumade.

FIFI: Le tabele in verità le xe un poco strambe, con quel logo de el Eppekka, Fiume capital de la cultura europea, con quela specie de sol messo per de sbiego che par el sonce na slobodata, el novo sol de la libertà che ti trovi su la bandiera de quel vecio Paese con un novo nome, o de quel novo Paese con un vecio nome … come el se ciama?

RIRI: Macedonia… ma setentrional.

FIFI: Ja, go sentido sì, co’ qua in caffè in Corso i guardava el festival de la canzon europea: North Macedonia therteen points, Macedonie du North, treize points…

RIRI: In confidenza, mi sario sta’più contenta se la Comunità dei Italiani e la famosa commission de esperti che i gaveva formado, gavessi sburtà per otegnir el dirito de gaver le scrite bilingui, in croato e italian e se come mi e ti i se batessi perché sul cartel de ingresso de la zità ghe stassi scrito el nome storico de Fiume, vicin de el nome croato Rijeka.

FIFI: Ma anche cussì, te devo dir, istesso vien fora quel che ne interesava vegnissi fora: la magior parte de i toponimi che se ga usado nei secoli in sta zità, era in italian.

FIFI: Ocori alora spiegar perché mi e ti e zerti altri pensa che saria natural gaver le scrite bilingui in zità?

RIRI: Perché el italian iera la lingua ufizial de Fiume, anche se qua ga sempre vissudo zente che rivava de ogni dove e che gaveva la propria lingua e la propria religion.

FIFI: E po’, dime che ti xe contenta, contenta…xe ufizial, Fiume ghe ga intitolà una piazza a Ricardo Zanella. Presidente de el Stato Libero de Fiume!

RIRI: Sai contenta! Sarà contenti anche i Fiumani…

FIFI: Tasi, tasi, vara che passa quela bela putela coi cavei lunghi e neri. Che ghe domando cossa che la pensa ela de Zanela. Chi la xe, una modela?

RIRI: No, xe la esimia consigliera del comun de Fiume, Ivona Milinović, accadizettiana. Come che la sa girar verso de destra ela, no’ gira nissun!

FIFI: Che bela! Che la saludo. Buon giorno consigliera Milinović, come le buta? Cossa la me dise che i ga intitolà una Piazza a Zanella, qua a Fiume, dopo tanti ani?

RIRI: Cossa la ziga, cossa la se scalmana? Ti sa che son dura de recia.

FIFI: La ne ga mandà cagar. A mi a ti, al sindaco, a la Lista, a tuti i fascisti come noi che se bati per la italianità de Fiume e tuti noi che volemo riportar de novo la Italia fascista a Fiume e che semo compari de quel Zanella che iera fascista (e questa xe una prova provada perché el ga el nome italian), che ela la sa ‘ste robe perché la legi sai che libri de storia e sai la ga studià. E che qua era sempre la Croazia e che sempre la sarà e che tuto el resto iera roba ligada al fascismo.

RIRI: Jesus i Maria! Zanella fascista? Ma se co’ xe rivà i fascisti a Fiume, a ‘sto omo ghe ga tocà scampar in esilio? Dighe che la speti, che ghe fazemo noi un ripassin de storia. Nissun xe nato imparado!

FIFI: La ga risposto che se gavemo de le opinioni, che se le rigiremo in boca e se le ingiotimo. Po’ la me ga de novo mandà cagar e la xe andà via!

(Tuttintun se sente un strepito tremendo e qualchedun che ziga:

“Maledeti iredentisti italiani, maledeti nazionalisti ungheresi!”)

RIRI: Cossa nassi? Chi ziga in ‘sto modo che se scassa tuta la Tore e la acqua de la broca ga finido per spanderse e darme una bela slavazada?

FIFI: Xe la Vedrana Spadoni de la Associazion “El croato de el Litorale”. La ga una lunga spada in man. La ziga contro de noi.

RIRI: Mi me sa che la ga intenzion de vegnir sora per taiarne de novo le teste! Aiuto, socorso!

(Momento topico particolarmente dramatico, acompagnado da zighi che provien da una e da la altra parte. Ziga la Spadoni e ogni tanto la mola certi urli che par un misto fra el rugir de un leon e un ruto non contegnudo che rimbomba e se senti el eco de la parola: CROATOOOO, CROATOOO. Le teste de la Aquila, povere, le ziga come aquile.

FIFI & RIRI: Aiuto, aiuto!

SPADONI: CROATOOO, solo che CROATOOO…AAARRRR… (Per fortuna ‘sta signora Vedrana xe una signora de una zera età e de un zerto peso e no’ la se riva rampigar. Per quel la fa de meno de rampigarse e la continua zigar de soto).

SPADONI: E qua era sempre Croazia e sempre la sarà! E chi che ga sangue puro xe meio de quei che ga sangue missià!

FIFI & RIRI: Ma vara che bele idee nove e progressiste!

SPADONI: Autonomistiiii: iredentisti italiani! Autonomistiii: nazionalisti ungheresi! Autonomistiii: fascisti! Autonomistiii: comunisti! Autonomistiii: socialisti-leninisti! Autonomistiii: teroristi integralisti! Autonomisti: feministi proabortisti! Autonomistiii: vegani! Autonomisti: Amici de le balene! Autonomisti: terrapiattisti!

FIFI: Eh no’ po’, terrapiattisti no! Che la curva de el orizonte da qua su se vedi ben! E comunque, la ga le idee molto ciare su cossa che xe ‘sta storia del movimento autonomista la nostra Vedrana, me par!

RIRI: Signora Vedrana mia, mi so solo una roba: ogidì, in tuto el mondo, e su tuti i fronti, ne la politica, ne la religion, ne le questioni che riguarda la lingua, la economia, el sport, la sozietà, perfin la nostra vita intima, el fascismo zerca de sburtarse e de entrar mascherado de amor per la Patria e difesa dei confini, de la identità nazional, de la familia.

FIFI: Signora mia, xe vero che la democrazia no’ la xe bela se no’ la xe litigarela e se no’ ghe fossi la destra co’ la sua intolerenza e le sua agresività, gavessimo meno ocasioni per barufarse, ma no ghe permetemo più a nissun che, in nome de una idea, a noi aquile bicipiti ne se tai la testa e ne se fazi in tochi. Inveze de rabiarse sempre e zercar che tutto intorno de lei sia sempre CROATOOO, la zerchi ogni tanto de butarla in valzer. Ecco, ghe cantemo noi una canzon che ne xe nata proprio de el cor:

LA CANZON DE RICCARDO ZANELLA

(Canta Fifi & RiRI)

Ghe son tornà,

ma chi se lo spetava

co ‘l vento che suffiava

aria de scovazon!

Ghe son tornà

che Fiume me mancava

de pianser me vegniva

ma chi se lo saria

spetado, amica mia

gnanche la polizia

né la cavaleria

nissun proprio nissun!

Ghe son tornà

a Fiume amica mia

no’ xe una fantasia

al sindaco Zanella

na’ piazza più che bela

Fiume ga dedicà.

Chi no’ vol saver, no ‘studia, no’ conosse

chi no’ me riconosse,

no’ vol capir sicuro

che a mi solo una Fiume

rica zità splendente

che fussi indipendente

me iera ne la mente

che solo e solo quel.

Né aria de destra, né aria de sinistra

volevo respirar,

ma aria de libertà.

‘Desso lassemo che passi la tempesta

che quei no’ capissi, no’ studia, no’ conossi

co’ ‘sta aria ultranazionalista

e poco de sinistra

aria de scovazon,

se sfoghi coi spadoni, i sprechi paroloni,

che i spudi, che i bestemi

mi odio per nissun, mai no’ go dimostrà.

Ghe son tornà

a Fiume amica mia

no’ se una fantasia

proprio a Riccardo, proprio Zanella, a mi,

una piaza i ga dedicà.

una piazza i ga dedicà.

6. Fifi e Riri – Odissea in tel spazio, Ano 3018(6)
5. Fifi & Riri e el dialeto fiuman: La difesa de el panda rosso
4. FIFI e RIRI e “El vento de el cambiamento” de le elezioni UI e CI
3. Fifi e Riri e el EPK (che po’ saria tuto un problema de usei)
2. Fifi e Riri el bilinguismo e el referendum contro le aquile che ga due teste/
1. Fifi e Riri, quele due teste de aquila

3 COMMENTS

  1. Fantastica Laura. Mi è piaciuto molto il dialogo in dialetto fiumano. Mi ha colpito il disegno di copertina del libro e allora mi sono messo a leggere quei dialoghi critico-satirici con le argute e divertenti voci del signor Patoco, e dei personaggi di invenzione “Fifi e Riri” sui fatti e misfatti di Fiume odierna ma con il sapore della storia e in difesa della italianità della tua terra.
    Brava.
    Si potrebbe fare uno spettacolo musico-teatrale no?
    MF

  2. Grazie mille caro Mario Fragiacomo. Penso sempre, quando scrivo La scartaza, a uno sketch radiofonico. Spero un giorno di riuscirci a portare Fifi e Riri in radio. E qui sarebbe fantastico poter avere i tuoi commenti musicali in diretta. Le tue “strombazade” che fanno da controcanto a le “macacade” che dicono le due teste dell’Aqula fiumana.
    E uno spettacolo teatral-musicale? Certo. Magari potessi tornare a collaborare con te!
    Laura

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here