Home Kolumne FIFI & RIRI: El vecio xe vecio

FIFI & RIRI: El vecio xe vecio

1773
0
Portal Rijeka Danas nastavlja s kolumnom na fiumanskom jeziku 'La scartaza' u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek
Portal Rijeka Danas nastavlja s kolumnom na fiumanskom jeziku ‘La scartaza’ u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek

El ziel sora Fiume scominzia a s’ciarirse in questa alba de inizio estate. Ma in ‘sto ziel fiuman, no’ ghe xe angeli smaferi vestidi con zerti capoti lunghi a la moda, che i s’docia la zita stando in piedi sui monumenti e i palazi come che capitava in quel famoso film de Wim Wenders. No! Ghe xe inveze, el solito cucal malegnaso, che el tenta, come ogni santa matina, de bombardar la nostra Aquila fiumana a due teste, con una cagada supersonica sparada a tuta bira, e molando zerte scorese da cucal, che ricorda el rumor che fazeva la mitragliatrice del Baron Rosso co’ el svolava col suo triplan sora de la Somme, e molando in più zerti zighi da galina primordial che i gavessi spaventà anche el più imbilado dei più imbiladi dinosauri carnivori de tuta la storia de la preistoria.

La nostra Aquila a due teste la xe, come se sa, ‘sai coragiosa, per quel, la rispondi al ataco zigando a sua volta:

FIFI & RIRI: Aiuto! Aiuto! Socorso! El ne copa, el ne copa! (E qua se senti un rumor come de una roba mesa liquida, mesa no, che te se s’cianfa sora un qualcosa fato de aluminio. In traduzion: el cucal, che nol ga sempre una mira precisa, ‘sta volta el ghe la ga molada giusta, giusta su tute due le teste de la Aquila).

FIFI: Santissimi Vito, Modesto e – Crescenzia, che scagagaz!

RIRI: Ma vara ti che roba! Ma cossa cussì se trata i simboli de sta zita? Cussì se trata i monumenti che gavemo a Fiume?

FIFI: Vara ti, inveze de scusarse cossa te fa ‘sto cucal? El ride!

RIRI: El ride? E cossa ghe xe de rider? E cossa el tambasca in cucalese? Dime ti, che son dura de rece.

FIFI: El dise che ‘sta roba de cagarghe sora i monumenti che rapresenta la nostra eredità storica, lo diverti ‘sai, perché lui ghe piase tute le robe nove o almeno quele fate dopo el 1945, e che quele invece fate prima del 1945, le ghe fa vegnir un nervoso che ghe sbuca fora zerti brufoli color rosso comunista sul beco che spiza e lo impiza. E po’ cossa! – El ga deto ancora – No’ fazo gnente che no’ faria i nostri magiorenti e quei che ‘sti monumenti i ghe xe stadi afidadi: la Zità, el Uficio per la tutela dei beni culturali, el Ministero a la cultura, el Porto de Fiume, quel cocolo omo fazendier de Pavinčić che se ga acaparado el Teatro Fenice per poi lassarlo crolar…tuti che ghe caga adoso ai monumenti storici!

RIRI: Xe vero! La Fenice, el primo teatro europeo costruido in cemento armado, i lo lassa crolar senza mover un dito e lavandose le man che tanto el xe de proprietà privata. Dimenticando che esisti una lege che la prevedi che ghe se porti via i edifici storici ai privati, se questi no’ i se ocupa de giustarli e restaurarli.

FIFI: Vero. E el muro roman? I lo ga fato in tochi e i lo ga sbagaza’ e al posto suo i ghe ga sgnacado una bruta casa che co’ la architetura de la zita vecia la centra come che centra el mussulman co’ la carne de porco.

RIRI: E adesso per ultima anche la Tore de lancio de el Silurificio, monumento de importanza mondial, che ghe xe crolado el teto.

FIFI: E i magiorenti cossa i fa? I gioga.

RIRI: I gioga?

FIFI: I gioga un giogo che se ciama ‘scariga baril’. Quei del Porto dise. ‘Mi no’ centro, ghe deve pensar quei de el Uficio per la tutela dei beni culturali!’

RIRI: E quei de el Uficio per la tutela dei beni culturali i dise: ‘Ghe deve pensar quei de el Porto’. E po’ tuti due dise: ‘Ghe deve pensar el sindaco? E el sindaco dise: ‘Ghe deve pensar lori, no’ mi!’ E intanto che i te gioga, i lassa che tuto croli.

FIFI: Solo la bananiera no’ i ghe caga sora, ma gnanche no’ i pulisse la merda, o meio dir, la rusine che la sta rosigando. Go sentido che i taliani de Italia ghe tien sai a sta nave che iera una de le ultime navi de la Marina de guera italiana.

RIRI: Se i taliani ghe piasi tanto ‘sta babaniera che i paghi lori el restauro!

FIFI: Ben che el Consiglio de la Zità ga meso da parte questo ano per la cultura 3.489.970,00 kune, che no xe una cifra de cascar in svenimento, ma no xe gnanche pas’cipe. ‘Sti soldi, i ga deto, i li dopererà per la tutela e la salvaguardia dei beni culturali e la promozion ne el campo de l’arte in tei musei, biblioteche, teatri, per musica, la arte scenica, balo, galerie de arte, editoria, cinema e novi media. E inveze?

RIRI: E inveze i lassa che tuto vadi in mona!

FIFI: Xe tante robe qua a Fiume e in Croazia che se lassa andar in mona, oltre a la cultura. E i cantieri, le fabriche, tuto in mona! Operai in strada, pensionati a scavar in tei bidoni de le scovazze, e le pensionate in Italia, a pulir i culi de altre vece più vece e più insempiade de lore.

RIRI: Cossa i ghe lasserà in eredità a le future generazioni ‘sti abitanti de Fiume e de la Croazia?

FIFI: I abusi edilizi legalizadi. Vara come che i trata i monumenti, i beni culturali!

RIRI: Ti sa cossa che penso? Me go ricordado che a Roma esiste un Archivio Museo storico in dove che i conserva tanti documenti ligadi a la storia de Fiume. E i li tien ben, con cura. Forse saria meio, se i nostri magiorenti continuerà a giogar el giogo che se ciama ‘scariga baril’, che impachetemo tuti sti bei monumenti, el Teatro Fenice, la Tore de el Silurificio, el muro roman, ma anche mi e ti, testa, zate, ali, coda, panza, budei, anfora e acqua che scori INDEFICIENTER, tuti bei impachetadi insieme co’ la Tore civica, e se facemo trasportar in tel Archivio museo de Roma. ‘Tegnine voi – ghe diremo – visto che qua no’ semo proprio che capaci.

FIFI: Ma speta che passa el Signo Patocco. Varilo, el ga un muso lungo fin per tera. Speta che ghe domando cossa nasse.

RIRI: Domanda ti, domanda che mi son dura de rece. Cossa el tambasca?

FIFI: El se smagna perché el abita in una casa vecia, che le finestre no’ le tien più, che le xe marze e che co’ piove, ghe piove drento, e che co’ sufia la bora, la ghe sufia drento. El voleva ricorer ai fondi europei per la eficienza energetica, per poderse comprar le finestre nove, ma quei de el Uficio per la tutela dei beni culturali, i conservatori, i ghe ga risposto che no, no’ se pol! Che a Fiume se sta sai atenti a che i semplici zitadini no’ i se metessi le finestre nove, magari de aluminio, che no’ i rovineria le case che xe soto la tutela de el Uficio per la tutela dei monumenti e dei beni culturali, che devi esser tuto de legno e che se anche i tenta de imbroiar e de meterse le finestre de aluminio co’ de fora el legno che par che le sia vece, lori li trapa lo stesso, li multa e i ghe cava le finestre. Perché lori sai ghe tien che i semplici zitadini abiti in case vece che ga un aspeto vecio e che le odori de vecio, perché el vecio xe vecio e se el xe vecio no se lo devi tocar, ma gnanche riparar, ma gnanche restaurar. Xe meio che el vecio el se rangi e che el croli solo, se el ga proprio deciso che el devi crolar!

RIRI: Jesus i Maria!

7. FIFI & RIRI: Allarmi, siam fascisti!
6. Fifi e Riri – Odissea in tel spazio, Ano 3018
5. Fifi & Riri e el dialeto fiuman: La difesa de el panda rosso
4. FIFI e RIRI e “El vento de el cambiamento” de le elezioni UI e CI
3. Fifi e Riri e el EPK (che po’ saria tuto un problema de usei)
2. Fifi e Riri el bilinguismo e el referendum contro le aquile che ga due teste/
1. Fifi e Riri, quele due teste de aquila

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here