Home Kolumne La scartaza: Alo’ Alo’ qua parla Radio Fiume!

La scartaza: Alo’ Alo’ qua parla Radio Fiume!

625
0
Portal Rijeka Danas nastavlja s kolumnom na fiumanskom jeziku 'La scartaza' u cilju zaštite i promocije riječkog autohtonog jezika. Projekt je potpomognut sredstvima Primorsko-goranske županije. Piše Laura Marchig, Dizajn: Ana Somek

RIRI: (Silenzio)
FIFI: (Ancora silenzio)

RIRI: ( Ma proprio che silenzio)
FIFI: (Muta come una scarpena de la pescheria de Fiume pescada tre giorni prima e venduda per fresca).

E podessimo andar avanti cussì per tuta la puntata… Cossa ghe xe, cossa no’ ghe xe? Ghe xe che le due teste de la Aquila fiumana le ga deciso de far sciopero anche lore per darghe apogio ai insegnanti de le scole croate che i protesta za del 10 de otobre e che i ga promosso una azion de protesta col silenzio. I gaveva messo su striscioni perché i domanda paghe dignitose e no’ i ghe parla al primo ministro. E lui, che prima, pareria, li ga fati spetar ore e ore in una stanza senza riscaldamento, a la fine el ghe gaveva risposto che non xe bel che i fioi no’ i vadi a scola perché i deve studiar. E sta roba xe andà avanti fino a poche ore fa. El sciopero xe terminà. I ghe ga promesso che i ghe darà i aumenti, ma a rate. Ma i insegnati no’ se ritira a testa bassa ma i prometi che la bataglia andarà avanti.
La Aquila, volendoghe dar apogio in genere a quei che i smonta in piaza e i protesta per otegnir i propi diriti, la continua però star zita.
In ‘sto Paese che se ciama Croazia, che de quanto che el xe bel el podessi esser anche un Belpaese, ghe xe, finalmente se podaria dir, zente che protesta. Ghe xe giovani che scendi in piaza e che i ghe somiglia in qualche modo, ma solo in qualche modo, ai sardelini italiani. Ghe xe strombazatori, insegnanti de catechismo che fa i show man. Ghe xe, e torno dir finalmente, dopo che per tre deceni co’ el popolo el pareva contento de esser bue, zente che se ga stufà! E i me ricorda un poco quel famoso Toro Jerry che el era scampa’ del macelo un bich de tempo fa, su per i grebeni de el interno de la Dalmazia, e no’l se fa ciapar. El ghe mostra i corni a chi che voleva farlo parlar in toscan…trasformarlo in tante fiorentine.
E mi che me toca parlar, visto che ‘ste due teste de Aquila le fa el sciopero de el silenzio, me piaseria che anche la minoranza italiana la disessi basta a zerte imposizioni. Basta de acetar de esser manzo! Basta de dirghe a tuti quei che i ne finanzia e che i ne comanda, sempre de sì! Me piaseria, mai come ‘desso, che el picio popolo de la Comunità Nazionale Italiana, no’ sbassassi sempre la testa a ogni ordine e a ogni decision che ‘riva de i vari ministeri, aziende publiche e altri enti che ga i bezi, ma che se cominciassi a dir: “Speta un poco, porco mondo! Mi ‘sta tua decision, la me danegia come comunità, no’ la me comoda, xe una rovina per la CNI e no’ la aceto!”
E che bel che saria che la minoranza italiana, capitanada dal Deputato italian in tel Parlamento croato, signor Furio, e el Maurizio e el Mulo Marin e el mulo Flavio e la signora Irene, e la Melita e po’ dopo anche in Istria el signor Gionni, e po’ in Slovenia, el Deputato Felice, ma anche el Uficio per la Minoranza, su a Zagabria, e el Ministero Afari Esteri Italian e consolati, e ambasciate, e Tizi e Cai e Semproni, tuti, ma propio tuti quanti insieme, tuti quei che i ga un minimo, una ungia, una baleta microscopica de mocolo, un fia’, un ninin… un bich dei bich de poter contratual, inveze che star a guardar come che- ocio che tra poco ghe dovessi meter un punto perché se no me ciaperà un s’ciopon – disevo, che bel che saria se tuti quei che ga una ioza de poter contratual, invece de star là guardar come che, passin passeto, morsighin per morsigheto, a la minoranza italiana, a Fiume, in Croazia e in Slovenia, i ghe porta via i diriti aquisidi, i ghe cava el spazio in ‘tei media e i posti de lavor, i decidessi finalmente de protestar. Che bel che saria che noi “Cninini” cominciassimo far un poco de esercizio de democrazia real!
In ‘sti giorni se ga ciuso le trasmissioni via satelite de TV Capodistria. Che po’ i preposti cninini i ga deto: “In ‘sto modo ghe fazemo veder a la Radiotelevision slovena che no’ semo contenti come che i ne trata!” Che un mio conoscente a ‘sto proposito el ga comentà: “Xe come quando che el mari’, per farghe dispeto a la moglie, el se taia el usel!”

FiFI: Jesus i Maria! (Ghe scampa un comento, no’ volendo.)

I posti de lavor a TV e Radio Capodistria che diminuise e nissun che protesta! La Redazion de Radio Fiume (ma no sta gnente meio, me pareria, Radio Pola) praticamente su carta ‘no la esisti! Ma nissun che protesta!
Furio che dise: “Stemo dialogando ‘co chi che comanda a la Radiotelevision croata! Stemo dialogando co’ quei de la Radiotelevision slovena! Stemo dialogando co’ quei de Zagabria! Stemo dialognado co’ quei de Lubiana! Stemo dialogando co’ quei de Roma …” agiungio mi: ‘ perché i faci qualcossa, imagino!’ Perché se torni a darghe a la Minoranza italiana quel che i gaveva: e una zerta visibilità e un spazio in tei media statali, e un zerto numero de persone impiegade in tei servizi de informazion publica. Bon, finché ti dialoghi, ma mi me par che se stà fazendo monologhi, e anche a voze piutosto bassa!
E se, caro Furio, una volta tanto ti li mandassi un poco in mona? E se ti e tuti i altri che ne poderia, e ne doveria rapresentar, i pensassi seriamente de girar la roba sul pian internazionale, de portarla sul pian de i diriti de le Minoranze in quel de Bruxelles?
Bon, intanto che voi, mii cari rappresentanti de la CNI, lassé che pian pianin, passin passeto, morsighin per morsigheto, i ne cioldi i diriti che gavevimo aquisido una volta e no’ la smetè de dirghe sempre de sì anche a chi, sentando su zerte comode sedie in zerti ufizi de Roma, solo perché ghe vien in amente che costemo tropo e che saria meio che costemo de meno, e che tanto cossa… a noi conazionali i ne cava: e un giorno le gite in Italia per le scole – che tanto cossa ghe servi ai muli che i gabi un raporto direto co’ la Mare Patria e cossa ghe serve veder i tesori de la arte de la nostra comun cultura – e un giorno i ne cava le borse libro – che tanto cossa ne servi leger libri italiani…che tanto ogi giorno, fra social e giogheti su internet, nissun più legi libri – intanto che intanto, mi me imagino cossa che podessi suceder fra un bich de tempo andando a vanti de ‘sto passo…
Podessi suceder quel che se sta sognando Fifi & Riri, che a forza de sentime tambascar e tambascar, ghe ga ciapà come un leger colpo de sono. Le ga serado per un secondo i oci e pam! Eccote che le dormiva tute e due bel, beate e pacifiche.

Naftalina – Farenhait 424

E ‘ste due teste de Aquila le te se insogna un sogno sains ficsion, de novo come quando che le se gaveva insognà de esser ne el futuro come quel famoso film de Kubrik ne. Bon, ‘desso le te sogna de esser in un altro film, una version de quel film de Truffaut indove che, in una sozietà del futuro i libri i xe proibidi, po’ te xe un pompier che xe incaricado de brusarli indove che li trova….

Semo ne el anno 20…, ma presto, come dir dopodoman…In ‘sta sozietà de el futuro indove che se ga deciso de bandir la NAFTALINA: perché no’ la xe sana, perché la spuza, perché no’ xe roba moderna. Visto che i diriti de le minoranze xe roba de el passato e disturba la santa globalizazion, xe roba de naftalina, visto che la minoranza italiana la xe rimasta tacada a zerti veci sentimenti, la se rinova cussì poco, la vien considerada naftalina, se ga deciso, ai più alti liveli, de farla fora, brusandola al punto de fusion in cui se brusa le balete de naftalina che se meti in tei armeroni contro le tarme…424 gradi Farenhait.
In ‘sto futuro prossimo venturo, se se ga disfà completamente de la naftalina e tuti xe convinti e straconvinti che no’ la esisti più. Ma inveze…inveze ghe xe un Grupo Segreto de Resistenza Pro-Naftalina (GSRP-N), che i ga deciso de resister e de continuar a trasmeter le trasmissioni de Radio Fiume con quei aparechi per radioamatori che se usava una volta. Istesso come che fazeva una volta quei de la resistenza partigiana che i mandava messagi in codice per combater contro i tedeschi.
E indoviné chi che se ga ciolto el compito de portar avanti le trasmissioni de i ribeli de Radio Fiume che trasmeti sul canal segreto, per far sentir la voce del la CNI?
Naturalmente: quele due teste de Aquila!

RIRI: Santissimi Vito, Modesto e Crescenzia, proprio mi che son dura de rece dovevo far la radiofonista partigiana de la naftalina. No sento un boro!
FIFI: Alò, alò, qua parla Radio Fiume. Alò, alò! Ne ricevè o no’ ne ricevè? Semo quei de la GSRP-N. Se ne ricevè baté un colpo che noi doveriimo scominziar el notiziario de le due e mesa!

SIGNOR PATOCO: Alò, alò, son qua, son el Signor Patoco. Ve sento forte e ciaro. Ma cossa, ghe xe denovo el notiziario de le due e mesa? Cossa no’ el era rimasto quel de le dodese e mesa?

RIRI: (Che no’ la sente un boro e che la capisse come ghe par.) Ma no’ ne pesa, anzi, ne fa piazer!
FIFI: (Alzando i oci al ziel perché con la RIRI zerte volte ghe vol pazienza.) Le due e mesa, le due e mesa in punto! Xe el movimento de la resistenza GSRP-N che ga deciso che a quei che scolta le nostre trasmissioni sconti in te le cantine e in te le sufite, ghe fichemo denovo i programi come che i era tempo fa e facemo i notiziari a le 10, e a le 12 e a le 14 e a le 16!

SIGNOR PATOCO: Orpo che lusso! Mi me piasi sai ‘sta resistenza!

RIRI: (Che la continua no’ capir un boro) Ma come no’ gavemo pazienza! Semo qua tuto el giorno sora la Tore che ‘sdocemo cossa che sucede e dopo trasmetemo le notizie!
FIFI: (No’ dandoghe abado a la altra testa) E po’ un de i capi de la Resistenza de la Naftalina (zerti la ciama in curto anche RN), se ga ricordà che ani prima se fazeva anche bele trasmissioni lunghete con canzoni e scenete, gioghi; come quele che a suo tempo inventava Bruno Petrali. E po’ un altro capo de la resistenza de la naftalina se ga ricorda i quindici ani che la Ada Mascheroni e el Angelo Benetelli i tegniva la rubrica satirica in fiuman scrita da Ettore Mazzieri, “Tomaso ficanaso” , e po’ un terzo se ga ricordà de tuti i colaboratori illustri che ga gavudo Radio Fiume…

RIRI: …e po un quarto se ga ricordà de la voze de la Agnese, de la bela voze profonda de Rochi, de el caro Andrea e de brava Virna e el Vrancich… de la Iva che la poderia lavorar anche più spesso per Radio Fiume, de tuti quei che ga lavorà per Radio Fiume. Un augurio de tegnir duro a la Selina, a Leo e a Gianfranco.
FIFI: E alora i ga deciso che scominzieremo anche noi far fior de trasmissioni. E canzoni e gioghi e trasmissioni in fiuman e radiodrami e scenete umoristiche…

RIRI:…tuto trasmesso rigorosamente co’ la radio de i radioamadori.
FIFI:…e questo finché no’ riveremo riportar de novo de moda la naftalina e no’ torneremo de novo a gaver una Redazion normal e riconossuda de Radio Fiume, e ne sarà possibile de veder a tuti TV Capodistria, e anche Radio Pola tornerà a fiorir!

RIRI: Insoma, semo convinti che anche se adesso (cantando):
Fisc’scia el vento e sufia la bufera,/ piume rote/e pur se vol parlar…
FIFI: (cantando) Per conquistar-e la nostra primavera,/ Naftalina torna a gueregiar!/

RIRI: Co’ le tarme sconte in tei caseti/dove sorge el sol de el avenir!
FIFI: Tako je!

10. La scartaza: E chi se rabia!
9. La scartaza: Dimela cantando
8. FIFI & RIRI: El vecio xe vecio
7. FIFI & RIRI: Allarmi, siam fascisti!
6. Fifi e Riri – Odissea in tel spazio, Ano 3018
5. Fifi & Riri e el dialeto fiuman: La difesa de el panda rosso
4. FIFI e RIRI e “El vento de el cambiamento” de le elezioni UI e CI
3. Fifi e Riri e el EPK (che po’ saria tuto un problema de usei)
2. Fifi e Riri el bilinguismo e el referendum contro le aquile che ga due teste/
1. Fifi e Riri, quele due teste de aquila

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here